RICCARDO SENSI: «GIUNTA E SICUREZZA, UN FALLIMENTO»

Riccardo Sensi
Riccardo Sensi

MONTECATINI. Riccardo Sensi, consigliere comunale di “Mi Piace Montecatini”, interviene sulla questione della sicurezza nella città termale:

I ripetuti episodi di microcriminalità degli ultimi mesi e l’inesistente risposta della Giunta  confermano che la situazione in città è ormai fuori controllo. È irresponsabile, ed io non starò a questo gioco, attendere la realizzazione del futuribile maxi commissariato, che se mai avverrà ci sarà fra molti anni, per rispondere al grido di preoccupazione che si leva da ogni angolo della città.

Ed è ridicolo che i soldi pubblici se ne vadano in discutibili e traballanti iniziative, come quelle delle statue di Pinocchio in Corso Roma, quando la nostra pineta, acquistata dal Comune ormai 3 anni fa, e quindi nella sua diretta responsabilità, versa in condizioni disastrose.

Montecatini, oltre alla ripresa delle terme, ha indifferibile urgenza di tornare ad essere una città sicura senza la feccia ed il degrado imperante ed ha necessità che le risorse a disposizione del Comune siano indirizzate sul versante sicurezza e decoro, posto che a molti sfugge che utilità abbiano i tanti soldi pubblici concessi, peraltro senza alcuna procedura pubblica, al Centro Commerciale Naturale.

 Chiedo dunque pubblicamente:

  1.  un consiglio comunale straordinario aperto alla cittadinanza sulla sicurezza ove discutere di Patti per la sicurezza e del nuovo mirabolante, ma utopico, mega commissariato;
  2.  una dettagliata rendicontazione di tutti i contributi che sono stati affidati al Centro commerciale naturale e se detto Ente li ha spesi ricorrendo a procedure pubbliche nella scelta del contraente o li ha attribuiti in via discrezionale;
  3.  quante risorse destina il Comune alla manutenzione della pineta.

[comunicato]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento