“RIFIUTI ZERO: DA PROBLEMA A RISORSA“, NUOVI METODI DI GESTIONE

L’inceneritore di Montale
L’inceneritore di Montale

QUARRATA. Secondo le opinioni dei nostri amministratori comunali, l’inceneritore di Montale è un impianto sicuro e all’avanguardia, poiché utilizza le ultime tecnologie disponibili per bruciare rifiuti, senza alcun rischio per l’ambiente e la salute dei cittadini.

Irwin Bross, direttore dello Sloan-Kettering, uno dei centri oncologici più importanti del mondo, ha detto: «Quando dicono che qualcosa è sicuro o buono per te, ciò che questo significa veramente è che è sicuro e buono per loro. A loro non importa quello che succede a te. Se c’è qualcuno che proteggerà la tua vita e la tua sicurezza, quel qualcuno non potrai essere che tu».

Infatti, nonostante le rassicurazioni, in otto anni si sono verificate tre importanti fuoriuscite di diossina e furani dai camini dell’impianto e l’ultimo superamento delle soglie, durato un mese tra luglio ed agosto 2015, è stato giudicato come indicatore di “una situazione assolutamente critica” [*] dalla Dott.ssa Paola Picciolli, responsabile dell’Unità funzionale igiene pubblica e della nutrizione di Asl 3 di Pistoia.

I cittadini hanno il diritto di sapere quali siano le eventualità di subire danni alla propria salute dopo le ripetute esposizioni e non riteniamo minimamente sufficienti le azioni adottate per affrontare la situazione dal sindaco di Quarrata, soprattutto nella sua “qualità di ufficiale di governo” poiché, nell’ultima esposizione a sostanze tossiche della cittadinanza, si è venuto a creare un grave pericolo per l’incolumità pubblica.

Dalla condivisione d’intenti  tra Quarrata 5 stelle, la lista civica all’opposizione “Insieme per Quarrata” e dal movimento di cittadini che compongono il gruppo “NoTares”, nasce l’idea di realizzare una serata informativa sull’argomento “Rifiuti Zero, da problema a risorsa” con la partecipazione di Rossano Ercolini – presidente di Zero Waste Italy e sui rischi, accertati o probabili per la nostra salute, legati all’incenerimento dei rifiuti, spiegati dal Dott. Marco Paganini, neurologo presso l’Azienda ospedaliera universitaria Careggi, membro di Medicina Democratica.

Cerchiamo di cogliere quest’occasione per illustrare nuovi percorsi e nuovi metodi di gestione dei rifiuti, metodi che siano alternativi all’incenerimento, le scelte ci sono e da questo punto di vista riteniamo moralmente inaccettabile continuare a esporre le popolazione a rischi assolutamente evitabili.

Dobbiamo saper riconoscere gli errori politici commessi e cercare di correggerli, perché l’inceneritore di Montale sta creando enormi danni e l’unico errore veramente imperdonabile è nascondersi dietro alle ideologie.

[*] – Asl 3 Prot. 39250 del 02.09.2015

[quarrata 5 stelle]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento