RIFORMA DELLA SICUREZZA, IL SAP INCONTRA IL PD

La locandinaPISTOIA. Una riforma del comparto sicurezza che riduca l’attuale numero di forze di polizia, evitando sprechi e duplicazioni, migliorando l’efficienza del sistema e rafforzando la sicurezza dei cittadini, recuperando risorse che possono e debbono essere investite per recuperare 10 anni di tagli e razionalizzazioni operati dai vari Governi che si sono succeduti.

È la sfida costruttiva che il Sindacato Autonomo di Polizia Sap, uno dei maggiori a livello nazionale, lancia al Partito Democratico, che oggi ha l’onere e l’onore di governare il Paese.

Una “sfida” che nasce a Pistoia dove il Partito Democratico è storicamente, come nel resto della Toscana, il movimento politico più importante. E a Pistoia anche il Sap rappresenta il primo sindacato per numero di iscritti in tutta la provincia. Per questo, nella città dei vivai e dei fiori, si svolgerà l’11 maggio, alle ore 16, presso la Fondazione Tronci di Corso Gramsci, un convegno pubblico sul tema “Riforma della sicurezza e unificazione delle forze di polizia” voluto dal Sap e dal Pd che ha accettato il confronto.

Saranno presenti il Segretario Provinciale Pd Marco Niccolai e il Segretario Provinciale Sap di Pistoia Andrea Carobbi Corso. A loro si affiancheranno l’on. Caterina Bini della Direzione Nazionale del Pd e Massimo Montebove in qualità di Portavoce Nazionale della Segreteria Generale Sap.

“È una iniziativa a cui tengo molto – spiega il Segretario Provinciale Sap, Andrea Carobbi Corso – perché la proposta di unificazione delle forze di polizia e di riforma della sicurezza fa parte della storia del mio sindacato. Il Governo Renzi e il Pd stanno portando avanti la riforma della pubblica amministrazione targata Madia e qualche passo avanti è in cantiere.

“Ma bisogna spingere più a fondo l’acceleratore. Solo a Pistoia, negli ultimi anni, sono state costruite ed oggi sono utilizzate ben tre nuove caserme: Vigili urbani, Guardia di Finanza e Carabinieri. Col paradosso che la nuova Questura è ancora da inaugurare, nonostante i soldi pubblici investiti. Tutto questo con conseguenti spese per il cittadino e con una costante contrazione delle risorse per gli operatori in divisa, come abbiamo più volte denunciato. Parafrasando il premier, direi che è giunto il momento di cambiare verso”.

[sap pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento