RINNOVATA LA CONVENZIONE TRA ASL 3 TOSCANA CENTRO E ACCADEMIA MEDICA PISTOIESE “FILIPPO PACINI”

Fino al 2022 l'Accademia presieduta dal professor Giuseppe Seghieri potrà usufruire di una sala riunioni presso il San Jacopo per un massimo di cinque volte in un anno
Il teatro anatomico del Ceppo

PISTOIA. È stata rinnovata la convenzione tra l’Asl 3 Toscana Centro e l’Accademia Medica Pistoiese “Filippo Pacini”.

L’Asl ha ritenuto opportuno continuare la collaborazione con l’associazione scientifica-culturale presieduta dal dottor Giuseppe Seghieri dal momento che l’Accademia Medica è una organizzazione storica che ha nel proprio statuto la missione di diffondere la cultura medico scientifica e la ricerca medica sul territorio.

La convenzione che porta anche la firma del direttore generale dell’Azienda Usl Toscana Centro dottor Paolo Morello Marchese non comporterà nessun costo economico per l’azienda salvo la messa a disposizione dell’Accademia stessa di una sala riunioni presso il presidio dell’Ospedale San Jacopo di Pistoia per un massimo di cinque volte in un anno.

La convenzione permetterà poi una collaborazione mediante specifici accordi anche per il perseguimento delle seguenti attività:

  • Promozione, organizzazione e gestione comune di eventi scientifico- culturali focalizzati su specifici interessi in comune;
  • Predisposizione e condivisione di progetti comuni attinenti alla salvaguardia e tutela della documentazione scientifica;
  • Attivazione di borse di studio nell’ambito di progetti di ricerca.
Scuola medica pistoiese, il logo

La convenzione ha validità di tre anni e potrà essere rinnovata per altri tre agli stessi patti ed alle stesse condizioni mediante scambio di corrispondenza scritta tra le parti.

L’Accademia Medica Filippo Pacini è nata nell’anno 1928 presso l’Ospedale di Pistoia in seguito alla creazione della nuova provincia di Pistoia e, per iniziativa di alcuni Medici pistoiesi: Alberto Chiappelli, Ireneo Bonacchi, Vittorio Bacci, Silvo Magni, Faustino Vannucci. Ebbe uno statuto ufficialmente sancito, con firma di Sua Maestà Re Vittorio Emanuele III, in data 22 settembre del 1928.

Lo scopo della Istituzione fu al suo inizio la diffusione della ricerca e della cultura in ambito medico, al fine di migliorare le pratiche professionali dei medici della provincia, che includeva la zona montana con l’ospedale di San Marcello e la zona della Valdinievole con Pescia ed il suo ospedale.

All’inizio l’Accademia si rese promotrice di iniziative culturali come l’organizzazione di Simposi e di sedute di comunicazioni a tema libero in cui i medici con – letture, preparati, disegni, fotografie, presentazioni di malati – scambiavano esperienze riportando casi clinici e i risultati dei propri studi.

L’Accademia ha avuto una vita molto attiva prevalentemente grazie al contributo del Presidente Professor Collatino Cantieri – Direttore Sanitario e Primario Medico dell’Ospedale del Ceppo – e ad altri personaggi importanti come il Prof Mario Romagnoli radiologo che ha introdotto tecnologie innovative nel settore radiologico.

Dopo l’interruzione dovuta al periodo bellico, nel dopoguerra vi è stato un risorgere delle attività dell’Accademia, dovuto in prevalenza alla azione di medici che hanno fatto la storia dell’ospedale

Con una recente variazione al proprio statuto l’Accademia ha aperto l’iscrizione di soci non solo medici ma appartenenti ad altre professionalità di laureati operanti nel settore sanitario (infermieri, biologi, chimici) con l’obiettivo di migliorare la capacità di formazione e la potenzialità di implementazione della ricerca scientifica no profit che sono gli scopi primari dell’Associazione.

Attualmente l’Accademia Medica Filippo Pacini è un’associazione Onlus ed ha come missione la promozione della formazione e la ricerca in campo medico-santario.

Andrea Balli

[andreaballi@linealibera.info]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email