rinnovo contratto. DIPENDENTI DEL COMUNE IN STATO DI AGITAZIONE

logo Cgil Pistoia
logo Cgil Pistoia

PISTOIA. Dopo che l’amministrazione comunale ha interrotto le trattative per il rinnovo del contratto decentrato 2016, le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl; Diccap e la Rsu, su mandato dell’assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori, hanno attivato la procedura di conciliazione prevista dalla legge, con l’intervento della Prefettura.

L’incontro si è svolto mercoledì scorso, 14 dicembre, e malgrado la massima disponibilità delle parti sindacali a trovare un accordo, la parte pubblica si è presentata dichiarando di non poter trattare in quanto manca un esplicito atto di indirizzo da parte della giunta comunale.

È inaccettabile che dopo otto incontri di trattativa che si sono svolti nel corso del 2016 ci venga opposto che manca ancora un atto della Giunta: cosa hanno fatto per tutto questo tempo? E soprattutto, su cosa abbiamo discusso fino ad oggi ?

L’accordo che solo due mesi fa sembrava praticamente concluso con l’assessore Palagi, oggi viene completamente rimesso in discussione, e la trattativa viene interrotta, senza alcuna apertura, soltanto un rinvio a data da destinarsi.

Non è certo questo il modo di condurre le relazioni sindacali, e purtroppo non è la prima volta che capita al Comune di Pistoia. Quello che emerge è una chiara mancanza di rispetto verso i dipendenti, e di conseguenza verso coloro a cui è rivolto il lavoro della struttura comunale: i cittadini pistoiesi.

Le richieste avanzate dalla parte sindacale sono le stesse da due anni a questa parte: equità e redistribuzione. Non abbiamo chiesto più risorse, ma soltanto di ripartire in modo più equo quelle che già ci sono, e poter accedere alle progressioni orizzontali, che dopo 5 anni di blocco legislativo sono state riaperte nel 2015, e che nella grande maggioranza degli enti sono state effettuate.

Oltre al contratto, restano le altre questioni aperte, che l’amministrazione comunale si ostina a non voler risolvere, nonostante le numerose proposte di parte sindacale, come ad esempio le decisioni in merito al turno H24 del personale della Polizia Municipale e l’adozione dei e regolamenti per gli incentivi alla progettazione interna ed i compensi per il personale dell’avvocatura comunale.

Nell’assemblea che è stata convocata per giovedì 22 dicembre verranno decise le forme di protesta.

L’obiettivo non è quello di bloccare i servizi, ma quello di avere un buon contratto per le lavoratrici ed i lavoratori.

Se serve, siamo disponibili ad essere convocati anche per la notte di San Silvestro, basta che ci sia reale volontà di trattare e di affrontare i problemi, modificando totalmente l’atteggiamento di sostanziale disinteresse che da parte dell’amministrazione è stato tenuto fino ad oggi.

[cgil – cisl – uil – diccap – rsu comune psitoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento