riserva naturale padule fucecchio. SIAMO ALLA STRETTA FINALE: SMEMBRAMENTO O GESTIONE UNITARIA?

Le bandiere dei Verdi ad una manifestazione a Prato

FIRENZE. A pochi mesi dalle elezioni regionali la Giunta Regionale sembra che voglia chiudere la discussione sulla futura gestione della Riserva Naturale del Padule di Fucecchio, fra sconcertanti ipotesi di frammentazione amministrativo — gestionale ed il perdurare invece di una gestione unitaria.

A quanto è dato sapersi, incontri previsti in questi giorni fra Regione ed Enti locali potrebbero portare ad una decisione conclusiva.

Avranno la meglio le spinte localistiche che vogliono frammentare e depotenziare l’area protetta oppure prevarrà la linea del mantenimento di una gestione unica nell’ottica di una tutela unitaria e anzi di una implementazione dell’area protetta?

Non si tratta di disquisizioni tecnico — amministrative; in gioco è il futuro della maggiore zona umida interna d’Italia con il suo patrimonio di biodiversità.

È per questo che i Verdi della Toscana chiedono al Presidente Rossi di abbandonare qualsiasi ipotesi di smembramento dell’area e di procedere sull’unica strada che può condurre verso la tutela concreta del Padule, cioè sulla conferma di una gestione unica e anzi sul progressivo ampliamento dell’area protetta, che a tutt’oggi corrisponde ad un magro decimo del Padule.

Riserva Naturale Padule di Fucecchio, visita guidata (foto Enrico Zarri)

Si fa notare come lo stesso Governo regionale che ora risulta voler demolire la Riserva Naturale del Padule di Fucecchio, è quello che ha approvato come necessità ed azione prioritaria nell’ambito della strategia regionale sulla biodiversità (facente parte del PAER 2015) proprio l’ampliamento dell’area protetta ricadente sul Padule.

Per i Verdi la decisione del Governo regionale sul futuro dell’area sarà non solo un elemento fondamentale per il territorio in questione ma sarà anche un segnale sull’intera politica del Pd sulle aree protette:

il Pd vuole un sistema di aree protette efficaci per la conservazione della biodiversità regionale (e per un ambiente migliore anche per tutti i cittadini toscani) oppure no (e anzi intende anche smantellare tutto quanto fatto fino ad oggi)?

Questa è la domanda che non solo i Verdi ma anche moltissimi cittadini (ed elettori) della Toscana fanno al Presidente Rossi.

Con la decisione sul Padule di Fucecchio il Pd ci darà la risposta.

[verdi toscana]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email