rugby. MANTELLI PRONTO PER UNA NUOVA GRANDE STAGIONE

Mantelli con gli assessori Forastiero e Calamai
Mantelli con gli assessori Forastiero e Calamai

MONTEMURLO. «Ho avuto la fortuna, ad appena 19 anni, di ritrovarmi al top e non me lo sarei mai aspettato».

A dirlo è Leonardo Mantelli, il campione di rugby montemurlese che lo scorso maggio ha conquistato lo scudetto della massima serie con il “Femi cz Rovigo Delta rugby” e solo da alcune settimane è tornato da Manchester, dove ha giocato il mondiale di rugby under 20, contribuendo alla salvezza dell’Italia nella categoria “élite”.

Dopo una stagione d’oro, Leonardo si è concesso un periodo di riposo nella sua Montemurlo (abita in via Venezia a Oste) e questa mattina è stato ricevuto in municipio dall’assessore allo sport, Giuseppe Forastiero e dal vicesindaco, Simone Calamai, che lo hanno voluto festeggiare dopo le importanti conferme.

«Leonardo non è solo un talento dello sport: è un ragazzo serio e determinato, un esempio per i nostri giovani ed un orgoglio per tutti i montemurlesi – hanno detto Forastiero e Calamai –. Con determinazione e costanza nessun obbiettivo è troppo lontano».

Leonardo starà a casa ancora per pochi giorni, poi il 25 luglio riprenderà la preparazione con la squadra nel ritiro di Albarella, vicino a Jesolo. «Lo scorso anno ho fatto tante partite, ma quest’anno conto sul posto da titolare – dice Mantelli, che gioca con il numero dieci, mediano d’apertura–. Il sogno è di riconquistare lo scudetto e poter un giorno giocare nella nazionale italiana senior».

Un ragazzo che nel rugby ci ha sempre creduto: «Ho iniziato a cinque anni nel Gispi, ma, anche se ero l’unico tra i miei compagni a fare questo sport, non l’ho mai giocato solo per divertimento: il mio obbiettivo è sempre stata la serie A», dice Leonardo, che non rifiuterebbe certo un posto in squadre prestigiose come il Tolone o i “Saracens” di Londra.

Intanto, a Montemurlo il rugby si sta facendo sempre più spazio, grazie all’attività di promozione portata avanti dal Gispi Prato nelle scuole: «Vogliamo che i nostri ragazzi abbiano la possibilità di praticare questo sport vicino a casa, quindi, come amministrazione stiamo pensando di attrezzare il giardino di via Deledda, dove già si trovano le reti da calcio, con due porte da rugby. Speriamo che a Montemurlo si possano formare altri campioni come Leonardo».

[masi – comune montemurlo]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento