sambuca. SCUOLE MEDIE A PAVANA. TRADIZIONI E FUTURO: OPPORTUNA UNA RICOSTRUZIONE “STORICA” DELLA VICENDA

’Ci saremmo aspettati, alla luce delle dichiarazioni rese dal primo cittadino, una sensibilità e riconoscenza istituzionale che, evidentemente, in questo frangente è risultata scomoda” 

Uno degli edifici scolastici di Pavana

SAMBUCA PISTOIESE. La vicenda della costituzione della classe prima media a Pavana richiede chiarezza e precisione. È meritevole di una ricostruzione ‘storica’ corretta, in favore dei cittadini (e dei genitori, in particolare) interessati al tema. 

A dicembre 2019, si è tenuto l’open day di presentazione della scuola media a Pavana. Nell’ambito di detto evento, taluni cittadini presenti ci hanno comunicato il basso numero di genitori, interessati all’iscrizione dei propri figli alla nuova classe prima media.

Nonostante ció, in ottica di leale collaborazione, i consiglieri del nostro gruppo Tradizioni e futuro per Sambuca — notiziati dell’evento — hanno comunque comunicato tempestivamente la criticità ad alcuni colleghi della maggioranza che, quindi, erano già stati messi a conoscenza dell’ipotesi di non costituzione della classe prima media.

Già in tale occasione, ci saremmo aspettati una presa di posizione (o comunque una strategia) da parte dell’assessore delegato all’istruzione: peccato un’altra occasione persa.

Ad ogni buon conto, seppur medio tempore sia intervenuta l’emergenza sanitaria, taluni genitori hanno comunque richiesto all’amministrazione comunale risposte puntuali circa le sorti della prima classe media: la situazione emergenziale ha impedito ai genitori di conoscere meglio quali fossero le intenzioni dell’amministrazione comunale e che posizione intendesse assumere.

A fine giugno, taluni genitori, ancora preoccupati delle sorti dei propri figli — giá iscritti a Pavana — hanno contattato il Consigliere comunale Cipriani che in data 3 luglio 2020 ha rilevato in seno al Consiglio dell’Unione dei Comuni dell’Appennino p.se il problema.

Il Consiglio nella medesima seduta ha quindi approvato all’unanimità un documento in cui lo stesso Consiglio conferiva l’incarico al Presidente Marmo di attivarsi con le amministrazioni scolastiche competenti, segnalando alle medesime la criticità in esame.

Il Senatore Patrizio La Pietra e Francesco Cipriani

Marmo, che ringraziamo per essersi tempestivamente attivato, ha notiziato il Provveditore della criticità pavanese, sollevata dal Consigliere Cipriani.

Frattanto, Cipriani, unitamente al Sen. La Pietra, ha incontrato il Provveditore che si è mostrato sin da subito sensibile al tema ma che, ancora in attesa delle direttive ministeriali, non ha (correttamente) garantito nulla circa le sorti della costituzione della classe prima media di Pavana.

Sempre nelle more della definizione di questa vicenda, il Sen. La Pietra ha presentato a Roma un disegno di legge che — per non danneggiare le località montane e delle isole — propone l’abolizione del numero minimo di iscrizioni (i.e. 10 bambini), utile per la costituzione di una classe.

Il 13 luglio 2020 si è poi tenuto il Consiglio comunale di Sambuca, in seno al quale il gruppo Tradizioni e futuro per Sambuca ha nuovamente sollevato il problema, rappresentando quanto fatto sino a quel momento e suggerendo alla Giunta molteplici proposte, ivi compresa quella di collaborare con i plessi dei comuni limitrofi al fine di trovare una soluzione condivisa, utile al superamento del problema.

 In seno a tale consiglio, il Sindaco ha ringraziato il consigliere Cipriani per aver sollevato la problematica, da tutti sentita.

Al 10 agosto 2020 tuttavia non è ancora possibile conoscere con esattezza le sorti della classe prima media di Pavana, anche se pare che si vada fortunatamente nella direzione della costituzione della stessa.

Ebbene, pur condividendo le parole del Sindaco che stigmatizza l’eventuale costituzione come un ‘atto di giustizia’, ci è parso doveroso ricostruire la vicenda per due motivi.

In primis, si rende necessario che tutti conoscano la verità dei fatti e conoscano chi, effettivamente, tra gli amministratori e parlamentari si è dimostrato sensibile al tema, tentando di risolverlo. Di questo, nulla dice il Sindaco pubblicamente nelle recenti dichiarazioni rese alla stampa: ne prendiamo atto. C’è evidentemente chi lavora per la Comunità e chi tenta di mettere una toppa. Talvolta però la toppa è peggio del buco.

In secundis, ci preme ricordare al Sindaco — reputandoci comunque soddisfatti della eventuale costituzione della prima media, da noi tanto voluta e per la quale abbiamo tanto battagliato — che se questa classe venisse effettivamente costituita, i motivi risiedono solo ed esclusivamente nella sopravvenuta emergenza sanitaria che impone un ricalcolo (al ribasso) del numero degli iscritti che, quindi, dovranno rispettare taluni parametri, utili per garantire il distanziamento sociale.

Ci saremmo aspettati, alla luce delle dichiarazioni rese dal primo cittadino, una sensibilità e riconoscenza istituzionale che, evidentemente, in questo frangente è risultata scomoda. Noi continueremo a lavorare per il bene della montagna.

Gruppo Tradizioni e futuro per Sambuca P.se (Francesco Cipriani, Angelo De Lucca, Mirko Ligori)

Sen. Patrizio La Pietra, Fratelli d’Italia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email