san marcello piteglio. «LE MASCHERINE SONO A NORMA?»

Carlo Vivarelli indipendentista: “ Assente sia sulle confezioni che sulle mascherine il marchio Ce”
Mascherine

SAN MARCELLO PITEGLIO. Il Partito Indipendentista Toscano chiede al Sindaco e alla Guardia di Finanza di accertare se le mascherine distribuite alla popolazione nelle farmacie ed alle associazioni nel territorio del Comune di San Marcello Piteglio siano a norma, cosa che non riteniamo credibile, visto che è assente sia sulle confezioni che sulle mascherine il marchio Ce.

Riteniamo comunque queste mascherine, ci risulta distribuite dalla Regione Toscana, più che altro dei Cenci ridicoli da non indossare.

Abbiamo chiesto via Pec alla Guardi di Finanza di Pistoia di intervenire e di sequestrare tutte queste mascherine se non a norma e di elevare a chi lo sta facendo la contestazione del reato previsto per la diffusione di epidemia a seconda dall’Articolo 138 del Codice Penale.

Interverremo con nostre iniziative presso la Procura appena avremo novità sul caso.

Carlo Vivarelli
consigliere comunale del Comune di San Marcello Piteglio
del Partito Indipendentista Toscano

Carlo Vivarelli, Partito Indipendentista Toscano

LA LETTERA INVIATA AL SINDACO MARMO E ALLA GUARDIA DI FINANZA

San Marcello Piteglio, 8 Maggio 2020.

Da Carlo Vivarelli, Consigliere comunale.

Al Sindaco di San Marcello Piteglio, al Vicesindaco, ai consiglieri comunali.

Per conoscenza: alla Guardia di Finanza di Pistoia, alla Usl Toscana Centro, al Tribunale del Malato, al Difensore Civico.

Egregio Sig. Sindaco,

le mascherine distribuite nel nostro Comune sono prive di marchio Ce, e mi risultano dunque, essere non solo non regolari, ma illegali. Ieri ne ho prese personalmente alcune in farmacia: il marchio Ce non era né sulla confezione né sulle mascherine stesse, dove dovrebbe essere. Di ieri la notizia dell’Agenzia Ansa Toscana del sequestro, da parte della Guardia di Finanza, che legge in copia questa mia, di Centinaia di migliaia di mascherine.

Le chiedo di intraprendere presso gli organi competenti un’azione affinché venga fatta immediata chiarezza, e se necessario, di sequestrare dal territorio e dalla distribuzione tutti i presidi che risultassero non marchiati Ce, anche quelli marchiati Ceche dovessero risultare essere stati marchiati illegalmente: un esempio sono le mascherine che ditte cinesi marchiano Ce dicendo poi che il “CE” si riferisce a Comunità Europea: riportato dalla trasmissione Rai Report.

Se fosse vero che esse mascherine distribuite alla popolazione gratuitamente risultassero illegali, ed onestamente è sufficiente indossarle per capire che non coprono il volto a sufficienza e che sono, questo parere mio, davvero pericolose, il reato ipotizzato è, a parte quelli per frode in commercio ecc., quello relativo all’articolo 138 del Codice Penale, quello che individua il reato di epidemia.

Le ricordo che la popolazione, a mio avviso privata in modo chiaramente colpevole delle mascherine per mesi a causa della mancata attivazione del piano pandemico, attivo nello Stato italiano dal 2006, piano rinnovato più volte, anche nel 2018, ed evidentemente ignorato dalla Regione Toscana e dalle Usl di tutta la Toscana, altrimenti devono comprare le mascherine: in una delle farmacie da me contattate le Ffp2 sono vendute a confezioni di tre unità, al costo di Euro 19,50: la considero una truffa legalizzata, ovviamente le farmacie sono a mio avviso incolpevoli.

Le chiedo di agire immediatamente, e di riferire l’esito di tale azione alla popolazione in uno dei suoi comunicati via social tramite i quali informa la popolazione circa le evoluzioni delle situazioni legate alla pandemia in corso.

Non dovrei specificare che se tali mascherine dovessero risultare illegali o comunque non conformi, Lei dovrebbe, come responsabile della sicurezza nel nostro Comune, chiedere i danni per via giudiziale a chi sta permettendo tutto questo.

Carlo Vivarelli
consigliere comunale

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email