san marcello. RISSA FRA RICHIEDENTI ASILO?

Mammiano

SAN MARCELLO. [m.f.] Rissa fra richiedenti asilo? Lo chiede con un’interrogazione il consigliere di minoranza per il Partito Indipendentista Toscano Carlo Vivarelli, al Sindaco del Comune di San Marcello-Piteglio Luca Marmo.

Il fatto, il condizionale è d’obbligo, sembra risalga alla metà di luglio nella notte tra domenica 16 e lunedì 17 in una “struttura” del Comune di San Marcello-Piteglio, presumibilmente, come ipotizza Vivarelli, a Mammiano.

Due giovani ospiti, un sedicenne e un venticinquenne, si sarebbero affrontati, per motivi da chiarire e fra loro sarebbe scoppiata una violenta rissa.

Riportata la calma non senza difficoltà per problemi di comunicazione, i due sono in montagna da poco, sono stati poi portati Piot di San Marcello dove sono stati medicati.

INTERROGAZIONE RISSA RICHIEDENTI ASILO

San Marcello Piteglio, 17 Agosto 2017

Al Sindaco di San Marcello Piteglio

Carlo Vivarelli

Le chiedo, con questa mia, risposta scritta riguardo ad una rissa che sarebbe scoppiata tra richiedenti asilo soggiornanti presumibilmente a Mammiano nei giorni scorsi.

Pare che due o più richiedenti asilo si siano appunto affrontati con violenza, e che uno dei due abbia ferito un altro mordendogli un orecchio.

Pare che uno dei due sia un minorenne con problemi psichici.

Il fatto sarebbe di dominio pubblico, ma inspiegabilmente la stampa, né cartacea né online, ne ha dato notizia.

Nell’eventualità che esso fatto sia veramente avvenuto, riterrei particolarmente grave il fatto che siano presenti nel nostro territorio richiedenti asilo con atteggiamenti violenti, e che questi siano ancora tollerati nel territorio, così come è avvenuto riguardo ad altri fatti.

Le chiedo una rendicontazione sull’accaduto, se è vero che al fatto era presente persona appartenente al Consiglio Comunale o alla Giunta ed a che titolo, se i feriti siano stati portati al punto di primo soccorso di San Marcello P.se, se è vero che una di queste persone sia già nota alle autorità come soggetto psichicamente instabile.

Ritengo ovviamente che le persone che si facciano responsabili di atti violenti debbano essere espulse immediatamente dal territorio, e ritengo anche che la popolazione debba essere prontamente informata dell’accaduto.

Carlo Vivarelli

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento