sanità in montagna. “RIPRISTINARE LA PIENA POTENZIALITÀ DEL PACINI”

È la richiesta che formula il consigliere di minoranza Carlo Vivarelli del Comune di San Marcello Piteglio e componente dell’esecutivo della Consulta per la Salute, a seguito dell’incontro di lunedì 19 marzo tenutosi in regione tra l’assessore alla sanità Stefania Saccardi e i sindaci Luca Marmo e Diego Petrucci
Carlo Vivarelli

SAN MARCELLO. Il riconoscimento da parte della Regione Toscana della Montagna Pistoiese come area disagiata è obbligato.

Non ci stupisce il consueto atteggiamento ostile da parte dell’ente regionale, retto da una maggioranza politica che alla prova elettorale delle prossime elezioni regionali risulterà carta straccia.

Chiederemo in sede della Consulta per la Salute, che è un grave errore sottovalutare come perdita di tempo, il ripristino della piena potenzialità, così come era nel passato, di quello che dovrà tornare ad essere l’Ospedale di San Marcello P.se, che deve cancellare la ridicolaggine che è diventato oggi il nostro nosocomio a partire da una sigla, Piot, non presente in nessun altro luogo, che significa solo la distruzione della sanità della Montagna a favore delle baronie private, che noi consideriamo un insulto.

Chiederemo inoltre che un Pronto Soccorso sia in futuro presente anche ad Abetone, viste le decine di migliaia di presenze che nella nostra località sciistica si registrano in inverno.

L’ex-Ospedale Pacini di San Marcello

Attendiamo inoltre pronta risposta circa le progettualità da mettere in opera per rinnovare gli impianti idraulici ed elettrici del Pacini di San Marcello P.se, in assenza della quale ci sarà chiaro che la vera intenzione è chiudere il nostro “ospedale”.

Intanto ci spieghino che senso ha avuto allargare, in modo davvero criticabile, il Punto di Primo Soccorso al Pacini, affidando oltretutto, pagliacciata delle leggi italiane, i lavori ad un ditta siciliana, come se noi solo nel nostro Comune non avessimo 1250 disoccupati e ditte edili.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento