sanità. VIVARELLI (PIT): “VERGOGNOSO CHE IL CUP SIA RIMASTO CHIUSO”

Intanto l’ex Ospedale Pacini è stato di nuovo ritrasformato in un reparto Covid”

Piot Pacini San Marcello

SAN MARCELLO PITEGLIO. Chiuso il Cup all’ex Ospedale Pacini di San Marcello P.se sabato 31 Ottobre e 2 Novembre 2020.

A causa della malattia delle due impiegate, il Cup è rimasto per due giorni vergognosamente sguarnito: ecco la concezione di servizio della Usl Toscana Centro.

Ritengo un’interruzione di pubblico sevizio aver lasciato chiuso il Cup nei due giorni citati: sono state rimandate a casa anche le persone che dovevano effettuarle analisi del sangue.

La signora Niccolai, responsabile per la Usl Toscana centro del Piot Pacini, dov’era, in ferie? Invito chi ha subito dei disservizi a denunciare la Usl. Intanto l’ex Ospedale Pacini è stato di nuovo ritrasformato in un reparto Covid, tenendo questa volta aperti gli ambulatori, e sottolineo di nuovo che i malati Covid dovrebbero stare vicino ad un vero pronto soccorso e al reparto di terapie intensive: la Usl ha avuto dalla prima ondata Covid mesi di tempo per prepararsi: sono degli incapaci e questi sono i risultati.

Carlo Vivarelli

Ho personalmente avuto due visite al Pacini, in una sono stato visitato da due medici, uno dei quali a mio avviso chiaramente proveniente dal reparto Covid, cosa che mi pare pericolosa, per una persona a rischio come me, con due infarti e il diabete.

Bene che parte degli ambulatori siano aperti, comunque, sono favorevole, ma ad esempio le visite reumatologiche sono state sospese: cosa c’entra il reumatologo con il Covid? Niente. Sono tutte mosse per far deviare i le persone verso la sanità privata, così come considero una vergogna che i laboratori privati incassino cifre da capogiro per test sierologici e tamponi.

Vorrei citare anche il servizio dentistico del Pacini: attendere da gennaio la cura di una carie è normale? No, a mio avviso è interruzione di pubblico servizio.

Ricordo al neo-governatore Giani che la Regione Toscana, in un documento richiesto dal Governo centrale italiano, ha indicato, prima delle recenti elezioni regionali, la Montagna Pistoiese area disagiata: dunque in tutti questi anni la Regione stessa ha disatteso il decreto Balduzzi, e dunque ci attendiamo che esso decreto venga rispettato e il Pronto Soccorso accreditato posto di nuovo in essere. Ricordo anche a Giani che la Golden Huor nel nostro territorio non è a mio avviso rispettata.

Ho chiesto di partecipare all’incontro con Giani promosso dal Sindaco di Sa Marcello Piteglio, nel quale gli comunicherò la mia intenzione di presentare le mie azioni giudiziarie contro la Regione, dopo la mia denuncia contro Rossi e predecessori per aver ignorato i piani preparati dallo Stato italiano e recepiti dalle regioni e dalle Usl fin dal 2006 e così brillantemente ignorati.

Carlo Vivarelli

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email