SANTA CATERINA: «SOBRERO, PÈNSACI TU!»

L’Assessore  Alice Sobrero
L’Assessore Alice Sobrero

SAN MARCELLO. Come i lettori della Montagna ricorderanno, suscitò un certo scalpore nella composizione della Giunta Sanmarcellina della Cormio, l’attribuzione di due assessorati, quello alla Sabrina Sergio Gori e quello all’Alice Sobrero.

Nel primo caso si giustificò la scelta, provenendo questa signora da Quarrata, con il fatto che la medesima avrebbe contribuito con la sua esperienza a “rastrellare” fondi pubblici da investire nel territorio.

Abbiamo esaurientemente scritto che l’amministrazione di San Marcello, con un Sindaco foresto e le nubi che si addensavano sulla Comunità Montana, era la “vergine” giusta per la candidatura al sacrificio del primo cittadino. Come vedete, ci avevamo preso!

L’assessore S.S. Gori, da noi chiamata “caccia intercettore” (di pubblici investimenti sul territorio) si è mostrata decisamente non all’altezza, e l’unico motivo per la quale era ed è stata nominata Assessore – e lo abbiamo più volte ripetuto – era solo per non farle perdere un posto in Anci, dove, per restare, è necessario ricoprire cariche pubbliche: insomma, come il Morelli, sodale dell’Oreste, che da Lamporecchio era finito, ovviamente per spirito di servizio, a fare l’assessore nientepopodimenoché a Fabbriche di Vallico, Sindaco, allora, l’Oreste, oggi primo inquilino di Pescia, ma che nuovamente s’è portato un Assessore nientepopodimenoché da Portoferraio.

Un piccolo inciso: Cutigliano, con lo Speaker Gordiani, se l’è vista davvero brutta. Adesso sono “cavoli” del livornese Nogarin! Ma torniamo a noi.

L’assessore Sobrero, quella con preferenze ricevute vicino allo zero (e scusate la rima), avrebbe ancora tempo e modo di dare un senso al suo incarico perché la Fondazione Caripit con un finanziamento di tre milioni di euro, nell’operazione “Cantieri aperti 2014”, offre alle varie amministrazioni possibilità, entro il 15 Agosto, fino 400.000 euro di poterne usufruire o almeno tentare.

Con, giustamente, alcuni vincoli:

 

PROGETTO SPECIALE CANTIERI APERTI 2014

 

 

La Fondazione Conservatorio di Santa Caterina a San Marcello
La Fondazione Conservatorio di Santa Caterina a San Marcello

La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia presenta il nuovo bando speciale denominato “Cantieri aperti 2014”, riservato all’Amministrazione Provinciale e ai Comuni della Provincia di Pistoia, per il quale è stato deliberato uno stanziamento di tre milioni di euro.

Considerati gli effetti negativi di una crisi economica che ha duramente colpito anche il nostro territorio, “Cantieri aperti 2014” ha l’obiettivo di favorire la realizzazione in tempi rapidi di opere di interesse pubblico, allo scopo di ottenere positivi e immediati effetti sull’attività produttiva e sui livelli di occupazione.

Condizione essenziale per l’ottenimento dei finanziamenti previsti dal bando è la pronta attivazione dei cantieri: potranno infatti essere ammesse solo opere per le quali sia disponibile un progetto esecutivo approvato e per le quali siano approntati i cantieri entro centoventi giorni dalla comunicazione dell’assegnazione del contributo. Ogni ente locale può richiedere più finanziamenti, indicando l’ordine di priorità delle opere per cui si richiede il contributo. Ogni ente potrà ricevere finanziamenti fino a un massimo di 400.000 euro in totale, mentre il costo di ciascuna opera per la quale è richiesto il finanziamento non può superare l’importo omnicomprensivo di 200.000 euro.

Il Prof. Ivano Paci, Presidente della Fondazione Caripit
Il Prof. Ivano Paci, Presidente della Fondazione Caripit

Sono finanziabili, i lavori di messa in sicurezza, manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro, adeguamento normativo, riqualificazione, anche in termini di risparmio energetico, nonché i lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche. Oggetto di intervento possono essere gli edifici scolastici (scuole d’infanzia, medie inferiori e superiori), le biblioteche, le palestre e i laboratori scolastici, ed edifici e strutture con destinazione culturale o sociale”.

Viene in mente niente, Assessore? A noi che siamo fissati, viene in mente Santa Caterina nel cui Consiglio, tutto dimissionario, è presente anche il Comune: un consiglio che per ben quattro volte ha chiesto invano aiuto alla Fondazione Caripit, con tanto di progetti.

Qui la storia si farebbe lunga e ne riparleremo; nel frattempo, però, perdere questa opportunità sarebbe veramente pazzesco – o, se preferite – da navigati politici italiani…
Papa/Papà vuole bene alla Montagna, noi lo sappiamo. Voi alla Montagna volete bene: o i vostri sforzi, al momento, sono concentrati solo sulla “svendita” del settore Nettezza Urbana e relativo “materiale umano” al CO.SE.A.?

Anche di questo riparleremo. Nel frattempo, rispondere please! Invito rivolto a maggioranza e opposizione consiliare – senza sconti a nessuno…

______________

P.S. – Stavolta il «caccia intercettore» una mano potrebbe anche darla, visto che con Paci ha sempre avuto un certo feeling (vuoi per le elargizioni liberali a Quarrata, vuoi perché con il Chiar.mo Prof. la ex-Sindaca ha condiviso un suo Assessore [Antonella Giovannetti] in veste di revisore dei conti).

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento