san[t]ità. FABBRI FDI SU AREA DISAGIATA

Considerazioni degli esponenti di Fratelli d’Italia Montagna Pistoiese sulla recente mozione per il riconoscimento della Montagna Pistoiese come area disagiata, presentata in regione dal Consigliere Marco Niccolai
L’ex-Ospedale Pacini di San Marcello

SAN MARCELLO. Il consigliere regionale Marco Niccolai, è il primo firmatario di una mozione che a giorni verrà presentata in consiglio per il riconoscimento della Montagna Pistoiese come “area particolarmente disagiata”.

Ho letto l’articolo apparso su La Nazione e quasi non ci credevo… meno male – mi son detto – che qualcuno si muova per la nostra Montagna dopo tante promesse e nessun fatto concreto.

Mi son messo gli occhiali e guardato meglio la foto e purtroppo l’ho riconosciuto, il suo sorrisetto è inconfondibile, lo stesso che esprimeva anche a San Marcello una sera di Settembre di un paio di anni fa, insieme a Massimo Baldi (consigliere regionale), Stefano Scaramelli (presidente della commissione sanità in regione), Daniele Mannelli (presidente della Società della Salute e Responsabile Zona Distretto Pistoia) e Giacomo Corsini (Direttore sanitario del Presidio Ospedaliero di Pistoia e San Marcello) in una riunione che ogni tanto facevano per glorificare ed esaltare, quello che loro hanno definito “Riordino e organizzazione del servizio sanitario regionale”.

Che tradotto in poche parole si può riassumere in: Chiusura dell’Ospedale Pacini di San Marcello, taglio ai servizi, sperpero di soldi pubblici per la costruzione di quattro nuovi ospedali a Pistoia, Prato, Lucca e Massa e non dimentichiamo le ruberie all’Asl di Massa (nessun responsabile…tutti assolti)

Giorgio Fabbri

In quella sera il buon Niccolai, con il sorrisetto stampato sulla faccia ricordò ai presenti, che tutto quello detto e promesso era stato fatto seguendo, testuali parole “un cronoprogamma preciso”.

Peccato però, per noi, che nel suo/loro cronoprogramma c’era anche lo smantellamento del nostro Ospedale Pacini.

Io a questo signore non ci credo, e non credo a quel sorrisetto che di rassicurante non ha niente

E non ci credo per tanti motivi, per il loro Dna, per la faccia tosta, per l’arroganza che mettono in tutte le loro dichiarazioni senza rispetto per nessuno, e soprattutto non ci credo oggi 20 gennaio in piena campagna elettorale per le politiche.

Dopo aver rifiutato la candidatura a sindaco di Pescia, si guadagna meno e si rischia anche di perdere, non penserà invece di candidarsi alle politiche?

Dopo aver visto perdere Pistoia dopo 70 anni di potere assoluto, Abetone-Cutigliano be’ se lo poteva aspettare non fa testo, ma soprattutto la caduta a picco del suo Pd e di Renzi nei sondaggi di questi mesi, lo abbia preoccupato e forse spaventato? allora meglio mettere le mani avanti per cercare nuovi consensi?

Per questo quassù in Montagna ne potrà fregare tanti…è terra fertile!

Fratelli d’Italia Montagna Pistoiese
Giorgio Fabbri – Ducci Venusia

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento