san[t]ità. «HAI PROBLEMI DI DENTI? VIENI. TE LI TOLGO SÙBITO, TI SVUOTO LA BOCCA E POI, PER LA PROTESI, TORNA TRA UN PAIO D’ANNI!»

Il meraviglioso servizio sanitario della Saccardi pluriincensato dall’ufficio stampa (e propaganda) dell’Asl Toscana Centro. La storia di un’anziana paziente con patologie multiple nel racconto della figlia
Lia Szabo, figlia della signora Erzsebet Szabo

 

PESCIA. Ma è poi vero che la sanità toscana della signora Saccardi è la migliore d’Italia dopo quella dell’Emilia Romagna? E l’assessorA non aveva promesso – se non sbagliamo – denti per tutti? E invece cosa succede nella storia che stiamo per narrarvi?

Una signora anziana, affetta da varie gravi patologie, viene sottoposta a ben 9 estrazioni e, in pratica, viene lasciata in una situazione di grande difficoltà dovuta alla mancanza di denti in grado di garantire una corretta masticazione.

Niente di male, se poi ci fosse il necessario completamento dell’intervento con la realizzazione di una protesi adeguata: ma questo non è possibile.

Nella sanità toscana della signora Saccardi si fa presto a togliere, ma si fa molto lentamente a mettere perché, mentre con un intervento di urgenza sono stati fatti fuori 9 denti, non esiste più urgenza per la protesi: la signora dovrà aspettare fino al 2021.

E se uno ha bisogno? Che si rivolga alla sanità privata: e pace! Così ti contentano: è corretto?  Una persona anziana e che non ha mezzi, può aspettare fino al 2021? Cosa pensa, di questo, il grande ufficio stampa e propaganda dell’Asl Centro Toscana e, specificamente, la “dottoressa” Daniela Ponticelli?

Le giriamo questa nota e le chiediamo se trova ancora il modo di incensare questo tipo di sanità che ha sempre e comunque difeso a spada tratta in quanto generosamente concessa alla plebe dai suoi padroni Pd.

e.b.

Leggete, ora, la lettera che la figlia della signora di cui parliamo ha inviato al direttore dell’Asl:

Egregio direttore,
mi chiamo Lia Szabo sono di nazionalità Romena, da 15 anni vivo in Italia esattamente a Pescia dove svolgo la mia attività lavorativa.

Purtroppo, da molto tempo, devo provvedere e assistere mia madre che ha una serie di patologie: cardiopatia, insufficienza renale cronica, portatrice di Pmk Ddd e come se non bastasse operata di emicolectomia sinistra per Etp del sigma.

La gestione di persone con le suddette patologie è estremamente complessa figuriamoci per me che da sola affronto tali problematiche costretta a barcamenarmi tra il lavoro e le scadenze di fine mese.

Stefania Saccardi

Premesso ciò sono chiederle spiegazioni riguardanti i trattamenti odontoiatrici che sono stati effettuati presso l’ambulatorio di odontoiatria dell’Ospedale di Pescia. La paziente si chiama Szabo Erzsebet nata il 29/08/1955. Sono state effettuate 9 estrazioni rispettivamente il: 19/08/2019; il 02/09/2019; il 06/09/2019.

Dopo le estrazioni mi sono recata al Cup per la prenotazione protesica conseguente ma l’appuntamento che mi è stato dato per il 21.11.2019 non ha questa finalità . Inoltre mi è stato riferito che le estrazioni sono in regime di urgenza cioè trattamento della fase acuta ma per mettere la protesi se ne parla nel 2021.

Sappiamo tutti che l’edentulia costituisce una urgenza: stare senza la funzionalità masticatoria crea danni alla articolazione temporo-mandibolare, gravi deficit di alimentazione che in un soggetto già debilitato come mia madre può determinare un aggravamento delle sue condizioni già precarie senza far riferimento alla funzione fonatoria ed estetica. Perciò definire non urgente la fase protesica è una valutazione assolutamente errata.

In virtù di quanto suddetto le chiedo spiegazioni riguardo al calendario e all’appuntamento del 2021.

Certa nella risoluzione del caso, Le porgo distinti saluti.

Lia Szabo
[direttore@linealibera.info]
Venite in Toscana: terra degli illuminati e della buona sanità (privata)!


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email