san[t]ità. I COMITATI PRESTO A ROMA

volantino centro-nord
volantino centro-nord

MONTAGNA. Il prossimo 10 settembre si svolgeranno due riunioni organizzative, una per il centro-nord e una per il centro-sud, indette dai comitati italiani nati a difesa della sanità pubblica.

All’ordine del giorno la preparazione della manifestazione nazionale che si terrà il 20 di settembre a Roma, per la tutela della salute nelle aree disagiate, periferiche, insulari e sismiche d’Italia.

Le location scelte per per i due incontri sono:

  • Per il centro-nord: Starhotels Excelsior, viale Pietramellara 51, Bologna
  • Per il centro-sud: Castello Praia a Mare, Cosenza

Valerio Bobini Presidente del Crest scrive:

La deriva intrapresa dalla politica nazionale e regionale che cancella ospedali nelle aree disagiate e periferiche della nostra penisola e contemporaneamente toglie servizi reparti, personale sanitario nelle aree marginali distruggendo il tessuto sociale costruito con tanto sacrificio negli anni richiede una presa di coscienza da parte di tutti i cittadini ovunque residenti.

Questo è il motivo fondante del Movimento Nazionale che intende darsi un’organizzazione per contrastare una politica scellerata perpetrata a danno del cittadino e della sua salute.

Il 10 di settembre tutti i Comitati Civici della nostra penisola che hanno aderito al neonato movimento e quelli che aderiranno strada facendo si riuniranno in due sedi distinte, individuate a: Bologna, per il centro-nord Italia e Praia a Mare, per il centro-sud.

Hanno già aderito per solidarietà e condivisione delle motivazioni addotte i Primi Cittadini di alcune regioni.

Questo, in particolare, non può che rafforzare le convinzioni e la voglia di lottare di cittadini e comitati per dare una svolta decisa alla politica pianificata a danno della gente comune.

Scarica:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento