san[t]ità. LA TOSCANA DI ROSSI E DELL’UFFICIO “ECCE ANCILLÆ DOMINI”

L’Annunciazione. Ecce ancilla Domini
L’annunciazione. Ecce ancilla Domini

PISTOIA. Vi forniamo, fresco fresco, un paio di esempi della buona (anzi: ottima) sanità di Enrico Rossi, sul quale giammai l’ufficio veline dell’Asl-Area Vasta Toscana Centro altro avrà da dire se non “Rendiamo grazie a Dio, nostro Signore!”.

Sigari Toscani: esempio di ticket
Sigari Toscani: un esempio di ticket

Da una parte abbiamo un esempio di velocissima lista di attesa per una colonscopia. La meravigliosa Asl di Pistoia ha dirottato il signore interessato a San Marcello, ma fissandogli l’appuntamento per l’ottobre 2017 (a 1 anno, 5 mesi e 13 giorni di sistanza!), data alla quale potrà non solo essere già felicemente defunto, ma perfino sepolto o, se cremato, disperso fra le rose del cimitero comunale lungo-Brana.

Ogni commento è superfluo.

Lista d’attesa colonscopia
Lista d’attesa colonscopia

Nel secondo caso siamo dinanzi al pagamento del ticket per un medicinale-salvavita che si chiama Ascriptin (cardioaspirina) che costa 2,32 € a confezione: nella fattispecie 6 confezioni, per una spesa totale di 13,93 €.

Il risparmio (tolto il ticket) è di ben 1,93 €, cioè 32 centesimi a confezione. A Pistoia si dice “tìrati su le puppe!”.

Ce ne sono commenti da parte dell’ufficio velineria-Ecce ancillæ Domini dell’Asl di Paolo Morello Marchese, quello che ha tre addetti stampa e almeno due posizioni organizzative (cioè due generali su un esercito di tre persone)?

Leggete anche:

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento