san[t]ità. “LAVORI ALL’APERTO IN SITUAZIONI CLIMATICHE AVVERSE”

Ausl Toscana Centro
Ausl Toscana Centro

FIRENZE. “Lavori che si svolgono all’aperto in situazioni climatiche avverse, con particolare riferimento all’edilizia, rischio di stress termico e colpo di calore”, è il tema del seminario organizzato dall’area funzionale prevenzione, igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro dell’Ausl Toscana Centro, che si terrà domani, 22 giugno, nella la sala riunioni – igiene e sanità pubblica – palazzina 29 , via San Salvi 12 – Firenze.

In Italia, negli ultimi decenni, si è registrato un costante aumento delle temperature estive. Secondo le previsioni sarà sempre più probabile osservare condizioni estreme, con un incremento della frequenza  dell’intensità di ondate di calore che potrebbero portare ad un aumento  di patologie e di decessi soprattutto nelle fasce di lavoratori più esposte  e/o vulnerabili.

Studi epidemiologici recenti hanno evidenziato un aumento della mortalità durante le ondate di calore, con un impatto maggiore in particolari categorie nelle quali si riscontra la presenza di alcune caratteristiche espositive ed anche individuali che ne potenziano la suscettibilità agli effetti del caldo, come ad esempio, la presenza di malattie croniche, l’impiego di farmaci ed il consumo di alcolici.

Esiste dunque la necessità di pianificare e predisporre adeguate linee di azione multisettoriali, per la prevenzione e il contenimento dei danni alla salute, ponendo particolare attenzione ai sottogruppi a maggior rischio.

Alcune tipologie di lavoratori possono essere esposte per la loro occupazione a temperature ambientali elevate ed essere quindi maggiormente a rischio di sviluppare disturbi associati al caldo, in particolare se viene svolta una attività fisica intensa all’aperto (edilizia, cantieristica stradale, agricoltura, etc.).

Nel corso del seminario saranno illustrate le misure di prevenzione che le imprese sono tenute ad adottare in situazioni climatiche sfavorevoli per caldo ed umidità eccessiva, situazioni sempre più frequenti con il cambiamento  climatico registrato da alcuni anni.

Saranno inoltre presentate le legislazioni in materia ed i provvedimenti che saranno adottati in caso di mancato rispetto degli obblighi legislativi .

“È necessario predisporre adeguate misure per la prevenzione e il contenimento dei danni alla salute – commenta Giuseppe Petrioli , direttore Area funzionale prevenzione igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro – si tratta di pianificare e predisporre adeguate linee di azione coordinate, coinvolgendo le figure professionali presenti nei cantieri, i datori di lavoro e i medici competenti . Un importante ruolo è inoltre svolto dai rappresentati dei lavoratori per la sicurezza da attivare in caso di allarme “ondata di calore” per svolgere funzioni di collaborazione sia nella fase di attuazione che in quella di verifica delle misure concordate”.

Il seminario è rivolto a: ordini e  collegi professionali, forze sociali,  associazioni di professionisti ed agli Enti che hanno competenza in tema di igiene e sicurezza del lavoro (Aziende Sanitarie, Direzioni provinciale del lavoro, Inps, Inail).

[vannucchi – ausl toscana centro]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento