san[t]ità-prato. NUOVA VASCA PER L’IMPIANTO DI SMALTIMENTO REFLUI DEL “SANTO STEFANO”

Interessato ai lavori il reparto di Medicina Nucleare del presidio ospedaliero pratese
Il nuovo ospedale di Prato
Il nuovo ospedale di Prato

PRATO. Sarà modificato l’esistente impianto di smaltimento reflui a servizio del reparto di Medicina Nucleare del Presidio Ospedaliero Santo Stefano di Prato.

In particolare il progetto firmato dall’ingegnere Gianluca Gavazzi dell’Uoc Grandi Opere dell’Asl Toscana Centro prevede l’aggiunta di un’ulteriore vasca da 5.000 litri ed impianti connessi, oltre alle tre già esistenti, “visto l’aumento delle prestazioni erogate a seguito della costituzione della Usl Toscana Centro”.

L’impianto esistente, sistema completamente integrato, è stato fornito dal concessionario Sa.t Spa di Prato e mantenuto per tutto il periodo della concessione.

L’offerta presentata dal concessionario di € 32.280,00 oltre Iva è stata positivamente valutata dal punto di vista tecnico con il personale qualificato e ritenuta in linea con le necessità e le richieste della Direzione Aziendale.

La fornitura e la posa in opera avverrà secondo un cronoprogramma stabilito, che rispetterà le esigenze sanitarie del reparto e garantirà la minima interruzione del servizio.

L’impegno complessivo di € 39.381,60 Iva compresa, è attribuito ai conti di contabilità generale dell’ex Azienda Usl 4 di Prato, confluita nell’Azienda Usl Toscana Centro, imputato sul conto patrimoniale 01.02.301010 “Impianti e macchinari sanitari” del bilancio di previsione 2016 in corso di predisposizione.

Per gli scarichi reflui in fognatura prodotti dal nuovo ospedale di Prato l’azienda Usl Toscana Centro è soggetta al pagamento di un onere per il loro smaltimento a favore di Gida e Publiacqua che per l’anno 2016 si attesta attorno a 84 mila euro oltre iva.

Già nel 2013 poco dopo l’inaugurazione del “Santo Stefano” gravi disservizi (tra cui le schermature non del tutto adeguate a proteggere il personale sanitario e i pazienti) erano stati segnalati nel reparto di Medicina Nucleare.

Vedi: file

[Andrea Balli]

_________________

Domanda: la grande sanità di Rossi è peggiore di un formaggione coi buchi…?

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento