san[t]ità. PRELIEVO MULTIORGANO SALVA SEI PAZIENTI

Ausl Toscana Centro
Ausl Toscana Centro

FIRENZE. Un eccezionale prelievo multiorgano all’ospedale di Borgo San Lorenzo (BSL) ha dimostrato il buon funzionamento della struttura e le notevoli capacità professionali degli operatori: in poche ore il personale, oltre a far fronte a due emergenze chirurgiche gravi, ha supportato ben sei équipe chirurgiche, provenienti da altri ospedali per i prelievi di organi e tessuti.

Una giovane donna non ancora cinquantenne è deceduta nella rianimazione, diretta dal dottor Marco Morelli, per emorragia cerebrale massiva. La famiglia ha manifestato la volontà di donare e questo atto di solidarietà ha dato l’avvio alla complessa organizzazione nazionale trapianti.

Mentre la commissione aziendale, (composta da una rianimatore, un medico legale, un neurologo e un tecnico di neurofisiopatologia), ha svolto le procedure di legge previste per certificare il decesso della paziente, il coordinamento donazioni e trapianti aziendale, diretto dal dottor Alessandro Pacini, ha attivato la segnalazione della potenziale donatrice di organi e tessuti ai centri di riferimento regionali e nazionali.

Gli anestesisti e il personale della sala operatoria dell’ospedale di BSL, rapidamente attivati, oltre ad affrontare i due interventi chirurgici sopraggiunti in emergenza dal DEA, si sono messi a disposizione delle quattro équipe chirurgiche per gli espianti provenienti da Bergamo (fegato), Siena (cuore), Pisa e Firenze (reni), oltre a due équipe di tessuti giunte dalla Banca dell’Osso di Bologna e dalla Banca della Cute di Siena, oltre al prelievo delle cornee effettuato dal medico del coordinamento donazioni.

L’organizzazione messa in atto all’interno del presidio, diretto dal dottor Stefano Bocci, ha permesso di trapiantare: il cuore in un giovane ragazzo di 20 anni a Siena; il fegato in un uomo di 60 anni a Bergamo; un rene a Pisa in un uomo di 50 anni e l’altro rene a Roma in un uomo di 50 anni. A disposizione delle Banche dei tessuti in attesa di essere trapiantati, ci sono le due cornee alla Banca di Lucca, i lembi di cute alla Banca di Siena ed i segmenti osteotendinei alla Banca di Bologna.

Il dottor Alessandro Pacini ringrazia nuovamente la famiglia per l’importante gesto di altruismo compiuto e tutti gli operatori sanitari che sono stati coinvolti.

[ponticelli – ausl toscana centro]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento