san[t]ità. SCREENING MAMMOGRAFICO IN MONTAGNA, L’ASL SI SCUSA PER I DISAGI DEI PRIMI GIORNI

L’Unità Mobile è presente a fianco dell'ingresso dell'Ospedale Pacini. Sono interessate in tutto 465 donne residenti in Montagna ma ad ieri hanno aderito 107 donne
Screening mammografico

SAN MARCELLO PITEGLIO. Prosegue fino a venerdì prossimo lo screening mammografico con l’Unità Mobile nella Montagna pistoiese. Da lunedì il mezzo è stato posizionato a fianco dell’ingresso dell’ospedale di San Macello pistoiese.

Fino ad oggi hanno aderito allo screening ben 107 donne, su 465 interessate dall’esame e residenti nei Comuni dell’area.

Di queste 396 sono di età compresa tra i 50 e i 69 anni e 69 donne di 45 anni.

Ieri gli esami sono iniziati in ritardo per un problema al collegamento elettrico che ha posticipato la partenza dell’attività di due ore. Le donne che si sono presentate nell’intervallo di tempo in cui l’attività è rimasta sospesa, sono state invitate a ritornare nella tarda mattinata o in uno dei successivi giorni di permanenza dell’Unità Mobile prevista fino al 30 agosto.

Nella giornata di lunedì, invece, a causa di un problema di comunicazione informatica (invio delle lettere d’invito) alcune donne, residenti in Montagna, hanno effettuato lo screening mammografico nell’Unità Mobile collocata al poliambulatorio di via della Quiete di Pistoia, anziché in quella di San Marcello Pistoiese.

L’Azienda si scusa per i disagi di questi primi due giorni di attività e ricorda alle donne che hanno ricevuto l’invito di effettuare l’importante esame di prevenzione del tumore al seno.

[baroni – asl toscana centro]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email