san[t]ità-sprechi. INTERROGAZIONE DI “SÌ – TOSCANA A SINISTRA”

Sarti: «Un contributo regionale di 100mila euro per l’acquisto di 250 fasce gonfiabili “Baby Birth” mai utilizzate dall’Asl 11 di Empoli. Un dispositivo medico senza fondamento scientifico e avvalorato solo da chi forse ne ha interesse privato»
Empoli. L’ospedale San Giuseppe
Empoli. L’ospedale San Giuseppe

FIRENZE. La Regione Toscana ha finanziato nel 2014, con un contributo di 100 mila euro, l’Asl 11 di Empoli per l’acquisto di 250 fasce Baby Birth, con l’idea di fare partire un progetto denominato “Fenarete” per sperimentare un dispositivo che a giudizio dei produttori dovrebbe facilitare il parto e ridurne i rischi.

Il progetto, che comprendeva anche la formazione degli operatori ed un apposito programma di controlli per il parto naturale, non è mai stato avviato. “Chi lo aveva deciso e in base a quali considerazioni scientifiche?” afferma Paolo Sarti, consigliere di Sì Toscana a Sinistra.

Il dispositivo “Baby Birth” è giudicato da esperti dell’Istituto superiore di sanità e dal Collegio delle ostetriche come inutile e dannoso, obbligando le donne a partorire in una posizione difficile e pericolosa, senza evidenze scientifiche e nessun dato verificato che ne dimostri efficacia e sicurezza.

Empoli. L'Asl 11
Empoli. L’Asl 11

Unica voce controcorrente è quella dello studio condotto, sempre ad Empoli su 80 donne, dalla dottoressa Luisa Acanfora, dal dottor Erich Cosmi e dal dottor Marco Filippeschi: studio giudicato da esperti privo di attendibilità scientifica in quanto condotto con dubbia scelta della metodologia.

Intanto esiste in Parlamento un disegno di legge promosso dalla Binetti che vuole inserire la fascia Baby Birth nei livelli essenziali di assistenza, cioè obbligatoria in ogni punto nascita! Se fossero vere le voci giornalistiche che indicherebbero la dottoressa Acanfora come moglie dell’unico produttore italiano di questa fascia, si sarebbe di fronte ad un evidente conflitto di interesse.

“Abbiamo presentato una interrogazione urgente che chiede alla Giunta di rendere conto del finanziamento regionale su un dispositivo sanitario giudicato dalla letteratura inutile e dannoso, dell’esito del progetto Fenarete dell’Asl 11 di Empoli, che a noi risulta mai avviato, e dell’esistenza di un possibile conflitto di interesse col titolare dell’azienda produttrice”.

[braccaloni – sì toscana a sinistra]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento