san[t]ità. STANDARD MINIMI OSPEDALIERI PER LE AREE DISAGIATE

Lo chiederà il Cisadep il prossimo martedì 28 maggio in un’audizione alla Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati. A Roma anche i rappresentanti della Montagna Pistoiese
Emanuela Cioni, Flavio Ceccarelli, Teresa De Santo, Valentina Trambusti, Don Francesco Martino

MONTAGNA. Il prossimo martedì 28 maggio una delegazione del Cisadep Coordinamento Italiano Sanità Aree Disagiate e Periferiche, composta dalla Presidente Nazionale, Emanuela Cioni, dal Segretario Nazionale, Don Francesco Martino e da delegati di altre regioni Italiane, andrà in audizione presso la Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, grazie all’interessamento dell’On. Chiara Gagnarli del Movimento Cinque Stelle, per sollecitare l’organo parlamentare ad impegnare Governo, Ministeri Economia e Salute, Conferenza Stato Regioni a ridefinire gli standard nazionali ospedalieri e territoriali per le Aree Periferiche, Ultraperiferiche e Particolarmente Disagiate, superando le lacune e le incongruenze del Dm 70 del 2015 – Decreto Balduzzi – che sta provocando la chiusura di molti servizi sanitari in queste zone svantaggiate del paese, mettendo a rischio la sopravvivenza delle stesse e della possibilità dei cittadini di continuare a vivere in esse.

Questo, non da nessuna garanzia di poter usufruire, a norma dell’art. 32 della Costituzione, di servizi sanitari uguali alle altre Aree del Paese, in quanto i criteri numerici, del Dm. 70/2015, sono stati calibrati a tavolino per le Aree Metropolitane ed Urbane, dove risultano efficaci per la concentrazione della popolazione, le infrastrutture, i servizi, le agevoli comunicazioni, mentre applicate alle aree periferiche ed ultraperiferiche, dove la popolazione è frammentata e dispersa sul territorio, le comunicazioni sono precarie, i servizi ridotti, mancano infrastrutture e trasporti, le condizioni orogeografiche sono particolarmente difficili, producono desertificazione e abbandono sanitario delle popolazioni.

Il Presidente del Cisadp Emanuela Cioni ad Amatrice con l’ex-Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi

Questa audizione segue i due incontri, precedentemente avuti nel 21 novembre 2017 e il 22 novembre 2018, con i tecnici del Ministero della Salute e con la Segreteria Tecnica del Ministro Grillo, che ha iniziato il lavoro sulle problematiche qui rappresentate.

L’audizione vuole spingere la Camera dei Deputati ad approvare una mozione o ordine del giorno che impegni Governo, Ministeri Salute ed Economia, Conferenza Stato Regioni a disciplinare alla luce dell’Art. 32 della Costituzione, l’intera materia, definendo gli standard minimi per i Servizi Ospedalieri e Territoriali Nazionali per queste Aree Disagiate, togliendo spazio alla libera e riduttiva interpretazione delle Regioni in materia, per assicurare eguali diritti ad eguali territori e, nella logica della solidarietà e sussidiarietà, non fare parti uguali tra diseguali, ma parti giuste per tutti che assicurino eguali diritti di fatto a tutti, cittadini viventi in Aree Metropolitane ed Urbane, e cittadini viventi in Aree Periferiche, Ultraperiferiche e Particolarmente Disagiate.

Emanuela Cioni
Presidente del Cisadep
Coordinamento Italiano Sanità Aree Disagiate e Periferiche

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email