SAP-FERRAGOSTO: «CON MILLE PROBLEMI, MA CI SIAMO»

Andrea Carobbi Corso
Andrea Carobbi Corso

PISTOIA. Quante volte abbiamo sentito parlare di tagli alla sicurezza, un argomento utilizzato soprattutto dalle varie componenti politiche, come arma di propaganda, per accusare ed incalzare gli avversari, quando sono in cerca di consensi. Purtroppo per i cittadini, e per noi appartenenti alle forze dell’ordine, appena le luci della “ribalta elettorale” si spengono, tutti si dimenticano delle promesse fatte, e una volta chiamati a decidere, altro non fanno che togliere finanze a quel comparto essenziale per la vita dei cittadini in tutti i suoi aspetti, dalla vita sociale all’economia.

È proprio per questo motivo, ed ancor più in questi momenti, che il Sap rivolge i propri solleciti a tutte le parti politiche, locali e nazionali : la sicurezza dei cittadini e dei suoi operatori non deve essere terreno dove cercare solo consensi, ma deve essere un unità d’intenti per tutela della collettività.

Il Sap, da sempre, fa sentire la propria voce contro questa cattiva abitudine, che puntualmente, viene riproposta per rispondere alle esigenze di risparmio generale, senza pensare, però, alle conseguenze negative per tutta la società. È necessario vedere in concreto, cosa significa continuare a tagliare cioè diminuire ulteriormente quei fondi destinasti alle forze di Polizia.

Nelle nostre denunce non abbiamo mai evidenziato l’aspetto retributivo, certamente molto importante, ma non primario, perché i poliziotti vivono in prima persona, quanto sta accadendo, e sono chiari i sacrifici che padri e madri, come noi, affrontano per sbarcare il lunario ogni giorno. Siamo assolutamente certi che una Polizia con strumenti efficienti sarebbe un prezioso congegno per riuscire a venire fuori più velocemente da quella crisi che attanaglia il Paese: tagliare nel nostro settore, nel tempo, è significato provocare, nel nome del risparmio, una serie interminabile di problemi. Il non rinnovo o il non aggiornamento degli strumenti essenziali creano gravi problematiche, lentezza ed inadeguatezza nei servizi, con conseguenti difficoltà, soprattutto per la società. Più grave, è verificare che si è tagliato anche sui budget dei mezzi e degli equipaggiamenti con conseguenze sulla tutela e sulla sicurezza di chi la deve garantirla.

A Pistoia ed a Montecatini c’è poi la questione degli immobili, ma questo è un capitolo a parte sul quale il Sap ha catalizzato, da tempo, il proprio impegno e la propria attenzione.

In questo periodo vacanziero, che la politica si riempie la bocca di belle parole, ma che si lascia anche andare a polemiche interne – vedi alcuni esponenti del partito di maggioranza, a tutti i livelli – a Pistoia, come in tutta Italia, i poliziotti continuano a lavorare, tra mille difficoltà per cercare di garantire un po’ tranquillità anche a Ferragosto, e permettere agli italiani di trascorrere in pace questi giorni di festa. Tutto ciò accade con meno risorse e meno strumenti e con la previsione di ulteriori tagli. È adesso, che i riflettori della campagna elettorale sono spenti, che i più sono in vacanza e tutto sembra essere più tranquillo, che il Sap ritiene doveroso rilanciare la necessità di valorizzare il comparto sicurezza, perché lao Polizia possa continuare ad offrire un servizio adeguato e all’altezza delle richieste della cittadinanza, chiedendo l’impegno concreto e serio da parte di tutti, politica in primis.

Buon Ferragosto a tutti in particolare ai poliziotti ed a tutti gli operatori delle forze dell’ordine che, con mille sforzi, garantiscono la sicurezza dei cittadini.

Il Segretario Provinciale Sap
Andrea Carobbi Corso

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento