SCIPPO-PROVINCE: PER I 5 STELLE «SCEMPIO DELLA DEMOCRAZIA»

Il proclama dei 5 Stelle in piazzetta San Leone
Il proclama dei 5 Stelle in piazzetta San Leone

PISTOIA. Ecco il documento letto e diffuso stamattina dinanzi alla sede della Provincia di Pistoia da parte dei 5 Stelle:

Elezioni Provinciali 2014: si voterà oggi (domenica 12 ottobre) per l’intera giornata (dalle 08:00 alle 20:00); ma non toccherà più ai cittadini: voteranno soltanto i consiglieri comunali di tutti i comuni della provincia. Esatto: quelle province che hanno fatto finta di abolire ma per le quali si voterà sul serio.

Le chiamano “elezioni di secondo livello”, il Movimento 5 Stelle preferisce usare le parole esatte e cioè “prendere in giro gli elettori privandoli anche del diritto di voto”.

Quindi: nessuna campagna elettorale, nessun programma per il futuro del territorio, niente di niente; tutte cose che non servono perché queste elezioni sono la sublimazione della politica: politici che eleggono altri politici. Quando la torta si può spartire a tavolino, perché affannarsi ad avere idee?

Accordi preelettorali e listone unico sono una passeggiata in Piazzetta San Leone per portare a termine la farsa delle province; province, che è bene ricordare, il premier non eletto ma nominato dai soliti politicanti ha promesso e sbandierato di abolire. Promesse al vento, bugie e falsità per il premier degli annunci che si riflette anche negli affari locali, con il beneplacito dei politici locali che non solo non si indignano, ma sono complici di questo scempio della democrazia.

Senza contare che in queste elezioni non viene considerata la ripartizione di posti per la minoranza: un consiglio provinciale può anche essere interamente composto da esponenti del Pd/Pdl.

Se questo succede a livello nazionale, nella provincia di Pistoia hanno voluto mettere la ciliegina sulla torta: la candidata unica (da sottolineare “candidata unica”) per la presidenza della provincia sarà la presidente uscente Federica Fratoni.

Il Movimento 5 Stelle rifiuta categoricamente di partecipare a questa pagliacciata; per questo motivo tutti i consiglieri pentastellati dei comuni della provincia di Pistoia hanno rifiutato la scheda di voto verbalizzandone la motivazione, in modo che tale decisione lasci traccia istituzionale; naturalmente, a queste elezioni non si è presentata nessuna lista del Movimento 5 Stelle.

Movimento 5 Stelle Pistoia (con i consiglieri Giacomo Del Bino, Luca Rossi, Maurizio Giorgi)
Movimento 5 Stelle Agliana (con il consigliere Massimo Bartoli)
Movimento 5 Stelle Buggiano (con il consigliere Simone Giovannini)
Movimento 5 Stelle Lamporecchio (con i consiglieri Cinzia Benvenuti e Dario Francesconi)
Movimento 5 Stelle Monsummano Terme (con i consiglieri Rodolfo Cioni e Alberto Natali)
Movimento 5 Stelle Montecatini Terme (con il consigliere Cristiano Berti)
Movimento 5 Stelle Pescia (con i consiglieri Angelo Morini e Paolo Varanini)
Movimento 5 Stelle Pieve a Nievole (con i consiglieri Pietro Dezio e Roberto Pantani)

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “SCIPPO-PROVINCE: PER I 5 STELLE «SCEMPIO DELLA DEMOCRAZIA»

Lascia un commento