scuola. GLI ANNI DI PIOMBO E LA TRAGICA FINE DI ALDO MORO

Martedì 3 marzo quattro classi del "Pacinotti" a Roma incontreranno gli onorevoli Follini e Castagnetti per una immersione in una dimensione storico sociale
Aldo Moro

PISTOIA. Studenti che crescono e prendono coscienza del recente passato, questa è una delle missioni della Scuola. Gli allievi delle classi IV BMG, IIABA, IIBBA, 2EMN dell’Istituto Pacinotti martedì 3 marzo incontreranno due protagonisti della politica italiana per approfondire il tema degli “anni di piombo” e la tragedia criminale del rapimento ed omicidio del Presidente Aldo Moro.

Accompagnati dai docenti Daniela Lonigro, Nicola Agostini, Riccardo Fagioli, Fabio Baldi, Leonardo Calamai gli alunni dell’Istituto professionale pistoiese discorreranno e porranno domande all’ex Vicepresidente del Consiglio On. Marco Follini e all’ex Vicepresidente della Camera dei Deputati On. Pierluigi Castagnetti.

La sede di questo incontro è davvero prestigiosa. Esso avverrà presso la “sala rossa” del Centro Studi don Luigi Sturzo in via delle Coppelle a Roma. L’idea centrale di questo incontro/conferenza è quella di far conoscere ed incontrare personalmente testimoni di un recente passato che ha segnato profondamente le coscienze italiane, ma che rischia un pericoloso oblio.

Marco Follini

Allo stesso tempo, attraverso momenti come questi, gli adolescenti possono anche conoscere personalmente personaggi politici che hanno ricoperto rilevanti posizione di responsabilità nel Governo del Paese. Nella “sala rossa” del centro Luigi Sturzo sarà la voce dei giovani a stimolare il racconto di un periodo davvero triste e cruciale della nostra recente storia. Prima di tutto toccherà ad alcuni studenti presentare il curriculum vitae dei due ospiti Marco Follini e Pierluigi Castagnetti.

Successivamente un moderatore porgerà loro le prime domande in modo da precedere le loro due brevi relazioni. Sarà interessante comprendere come ragazze e ragazzi nati e cresciuti in un’epoca così lontana da quella dell’eversione nera e rossa, siano in grado di stimolare il racconto di due politici che in quel tempo furono attori e protagonisti.

Pierluigi Castagnetti

Il racconto sarà incentrato sia sulla così detta storia ufficiale, che sui racconti personali, le impressioni, gli aneddoti che accompagnarono la strategia della tensione e la drammatica fine dell’Onorevole Aldo Moro. Una domanda già sorge spontanea: “Perché i terroristi avevano nel mirino proprio una persona, mite, moderata, intellettualmente non solo intellettualmente onesta come il Presidente Moro?”.

A questa indubbiamente seguiranno alcuni quesiti circa l’autenticità o meno delle lettere dalla prigionia dello stesso Presidente della Democrazia Cristiana, mentre non potrà mancare anche una riflessione sul perché alla fine i terroristi abbiano deciso di uccidere questa persona così mite e intellettualmente alta.

Questo incontro vuol essere per gli studenti del Pacinotti un’immersione in una dimensione storico sociale inusitata che faccia anche loro riflettere su quale sia il vero valore della politica e del sacrificio per la parte più nobile di essa.

[riccardo fagioli]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email