“SE QUESTO È UN BAMBINO. INFANZIA E SHOAH”

PISTOIA. “I bambini erano a Birkenau come uccelli di passo”, scrive Primo Levi ne La tregua. Cosa accadde ai bambini durante la Shoah?

Quali tipi di esperienze attraversarono, e come essi stessi le vissero? Come si può studiare la storia dei bambini ebrei perseguitati, difendendone la memoria e restituendo la prospettiva infantile?”.

A questi interrogativi cercherà di rispondere Sara Valentina Di Palma nel suo Se questo è un bambino. Infanzia e Shoah (Giuntina 2014).

Il libro sarà presentato lunedì 15 maggio, ore 17, nell’auditorium Terzani, a cura dell’associazione Amici del Giallo Pistoia in collaborazione della Comunità Ebraica di Firenze. A dialogare con l’autrice sarà Giuseppe Previti, presidente dell’associazione pistoiese.

Sara Valentina Di Palma è laureata in storia contemporanea e dottore di ricerca in scienze politiche presso l’Università di Siena, dove collabora con le cattedre di Storia Contemporanea e Storia Comparata del Dipartimento di Comunicazione, Lingue e Culture della Facoltà di Lettere.

Lavora per il Museo Ebraico di Firenze e di Siena e si occupa principalmente di infanzia nella Shoah, storia e memoria della Shoah, migrazioni ebraiche in Israele e violenza sulle donne nei conflitti contemporanei.

Tra le sue pubblicazioni, Bambini e adolescenti nella Shoah. Storia e memoria della persecuzione nazista e fascista in Italia (Unicopli, 2004); Like a lodged bullet. The Holocaust through the eyes of children (Kingston University Press, 2013).

[comune pistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento