SEL A DUE ANNI DA INIZIO MANDATO: «BERTINELLI? UNA DELUSIONE»

Massimiliano Sforzi
Massimiliano Sforzi

PISTOIA. La carta stampata ha snobbato la conferenza stampa di Massimiliano Sforzi, sostenuto anche dalla presenza del coordinatore di Sel, Aldo Fedi.

La prima conferenza stampa per Sforzi e non per piangere su una collaborazione fallita che non è mai stata alla pari da parte del Pd, ma solo per delineare il punto della situazione: sul fatto e non fatto – o, in certi casi, non potuto fare per la chiusura con cui il Sindaco (il senso era questo, le parole sono nostre) tratta di solito gli altri, e a volte anche i suoi.

Sforzi ha ricordato la battaglia per l’acqua (la mozione per imporre a Publiacqua di non tagliare le forniture alle famiglie indigenti lasciandole a secco); la battaglia per la Repower; la guerra per San Bartolomeo senza parcheggio.

Ma ha sottolineato anche altri punti nodali nel difficile rapporto fra Sel e Pd: il campo nomadi, oneroso e privo di rispetto umano; il problema dei Laghi Primavera; l’acquisizione al patrimonio urbano dei beni demaniali di cui lo stato è intenzionato a disfarsi, lasciandone (lo aggiungiamo noi, ma non andiamo lontani dal vero) le spese sulle spalle della gente di Pistoia.

A fronte di tutto questo, e dopo aver ricordato la crisi con cui si interruppe il matrimonio Sel-Pd in maggioranza (l’espulsione dell’Assessore Lombardi), il problema più grave che è emerso dalle parole più che continenti sia di Sforzi che di Fedi, è, e resta, un discrimine insormontabile: la mancata realizzazione di un percorso condiviso di partecipazione dei cittadini alle scelte più significative dell’amministrazione. Lo si è visto sul tema dell’ex Area Pallavicini e il centro raccolta rifiuti.

Sforzi ha sottolineato che proprio questo punto del programma elettorale di Bertinelli è rimasto assolutamente lettera morta: niente, dunque, «Pistoia città di tutti». quella Pistoia è il sogno, l’altra appartiene al decisionismo del Sindaco e della sia incardinata maggioranza.

Difficile, quindi, se non impossibile, trovare una mediazione laddove tutto resta assolutamente circoscritto – il più delle volte – alla volontà tendenzialmente egemone di chi comanda.

Aldo Fedi, Coordinatore di Sel
Aldo Fedi, Coordinatore di Sel

Anche sulla mozione dei parcheggi di cortesia e su quelli di genere, bocciata dal Pd proprio all’ultimo consiglio di lunedì scorso, Sforzi ha manifestato la sua profonda delusione. La scelta del Pd – secondo il consigliere di Sel – contrasta con le norme più elementari della civile collaborazione fra forze politiche a prescindere da qualsiasi impostazione di natura ideologica. La decisione di non far passare la proposta risultava – per Sforzi – immotivata per il fatto che nessuno della maggioranza aveva fatto osservazioni o richiesto correzioni o modifiche al documento portato in votazione dopo essere passato dalle commissioni.

Insomma la maggioranza Pd è, in qualche modo, non duttile e non malleabile (prerogativa di base per una forza politica e di governo) principalmente forse perché tale è il Sindaco Bertinelli: lui che in consiglio, professandosi pieno di orgoglio di sé, ha di recente affermato di non essere né cuperliano, né renziano, ma solo bertinelliano. È ovvio che la riflessione su tutto questo richiederà anche altri approfondimenti.

Ma un’ultima cosa. Sforzi vorrebbe sapere dall’Assessore Belliti se la mozione contro gli slacci dell’acqua ai morosi è stata inoltrata a Publiacqua oppure è rimasta in un cassetto.

Ha detto che ancora non ha avuto nessuna certezza in proposito…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento