«SENZA LE MANUTENZIONI DEI FOSSI LA CASSA È INUTILE»

Procedono i lavori per la realizzazione delle opere B1 alla Querciola. Domani i comitati e i cittadini incontrano l’Assessore Tuci e il Presidente del Consorzio di bonifica Marco Bottino
Lavori alla cassa di espansione della Querciola
Lavori alla cassa di espansione della Querciola

QUARRATA. Stanno procedendo come da cronoprogramma i lavori di realizzazione della cassa di espansione B1 della Querciola (destinata come noto a raccogliere in caso di alluvioni le acque basse del reticolo idrogeologico quarratini). A questo proposito come a suo tempo annunciato i comitati civici proseguono il loro monitoraggio sul cantiere.

“Grazie anche al controllo e alle verifiche continue che stiamo facendo con il presidente della Regione Enrico Rossi – ha dichiarato Daniele Manetti – i lavori stanno procedendo velocemente e per ottobre, se non ci saranno intoppi dovuti al maltempo, la cassa sarà terminata e potrà finalmente entrare in funzione”.

Un risultato atteso da tempo ma finora non scontato. “Per questo continueremo ostinatamente e caparbiamente a controllare l’avanzamento dei lavori di questa opera pubblica che è essenziale per difendere la nostra piana dalle alluvioni. E se siamo a questo punto è anche grazie ai numerosi viaggi fatti in Regione e alle petizioni promosse dai comitati e da Legambiente perché questa opera arrivasse a compimento!”.

Nell’incontro con il Presidente Enrico Rossi e con il responsabile del Rischio idrogeologico della Regione Toscana Giovanni Massini del 2 luglio scorso, oltre a fare il punto sulle varie opere pubbliche in progetto ed in costruzione, è stato consegnato un documento ai due responsabili riguardante la “Ricavatura dei torrenti e dei fossi minori”.

Tali manutenzioni dei fossi minori – secondo i cittadini – sono estremamente importanti e servono per mettere in ulteriore sicurezza le frazioni di Barba, Caserana, Ferruccia, Olmi, Caserana, Casini. Ad oggi sono ferme per l’inquinamento da prodotti chimici e perché la “materia ambientale” è di competenza esclusiva dello Stato (vedi leggi nazionali Gestione dei rifiuti).

Il presidente della Regione Enrico Rossi, “perfettamente in sintonia con le richieste dei Comitati e Legambiente – continua Manetti – si è impegnato a spedire entro pochi giorni una lettera al Ministero dell’Ambiente per trovare una soluzione in grado di risolvere questa complicata problematica”. I Comitati e Legambiente in appoggio al Presidente Rossi faranno a loro volta volta un documento e richiederanno velocemente, anche ai Comuni di Quarrata, Agliana e Pistoia, di firmarlo e di condividerlo.

L’area interessata dalla cassa della Querciola
L’area interessata dalla cassa della Querciola

“Si rischia di aver costruito infatti una cassa d’espansione costata circa quattro milioni di euro e di non poterci mandare tutta l’acqua delle alluvioni, perché ci sono rialzamenti del letto dei fiumi, strozzature e ostruzioni dovute ai ponti (fosso Quadrelli e letto del fosso Senice)”.

Domani, lunedì 14 luglio, Daniele Manetti con gli altri rappresentanti del Comitato civico contro le alluvioni e una delegazione di cittadini alluvionati avrà due riunioni, “per fare il punto della situazione di altre opere idrauliche e progetti”: la prima al mattino con l’assessore al Rischio idrogeologico di Pistoia, Mario Tuci, e poi nel pomeriggio con il Presidente del Consorzio Medio Valdarno, Marco Bottino, per tutti i problemi di loro competenza e che riguardano in modo particolare le frazioni.

Ai primi di agosto, l’ing. Giovanni Massini (responsabile per la Regione Toscana del Rischio idrogeologico), accompagnato dai Comitati e Legambiente è atteso sul territorio comunale per un sopralluogo e un ulteriore momento di confronto sulla situazione in vista del prossimo inverno.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

One thought on “«SENZA LE MANUTENZIONI DEI FOSSI LA CASSA È INUTILE»

Lascia un commento