serravalle. 1 MAGGIO? “LA SINISTRA SI APPIGLIA A TUTTO PUR DI FARE POLEMICA”

In corteo

SERRAVALLE. Non si fermano da parte della sinistra serravallina le polemiche, tutte gratuite e strumentali, sulla manifestazione del primo maggio a Casalguidi.

Desideriamo solo ricordare che la festa dei lavoratori è la festa di tutti, non di singole categorie di lavoratori, di partiti o associazioni, che pertanto si sentono nel diritto di arrogarsi determinati dritti e prerogative in merito all’organizzazione dei festeggiamenti, conferendo ad essi per di più una particolare connotazione politica.

Se così è stato nel passato, noi riteniamo che debba tornare a celebrare la festa del primo maggio il mondo del lavoro nella sua totalità, senza esclusioni di sorta, ossia dipendenti, artigiani, piccoli imprenditori professionisti e dirigenti tutti insieme, superando la divisione classista tanto decantata dalla sinistra, per iniziare un percorso di unità di sforzi e intenti che abbia come unico obiettivo il benessere del Paese.

Trattori in piazza Gramsci a Casalguidi

Occorre che l’impegno della politica sia rivolto in maniera prioritaria non tanto ad assicurare un reddito senza svolgere alcun mestiere o a concedere il contentino di consolazione ogniqualvolta ci si avvicina alle elezioni, quanto a far si che ogni cittadino possa avere o trovare una occupazione lavorativa sostenendo e incentivando le imprese, poiché il lavoro è fondamentale per la dignità della persona.

Riguardo alla polemica veramente assurda sulla presenza del sacerdote alla manifestazione per benedire gli strumenti del lavoro e i lavoratori convenuti — scelta effettuata dalla attuale amministrazione — domandiamo agli esponenti di sinistra che sono intervenuti in proposito perché la benedizione delle corone di fiori presso il monumento ai caduti il 25 aprile sia stata sempre di loro gradimento (nessuno mai si è risentito) mentre la benedizione del primo maggio sia risultata una indebita ingerenza della sfera religiosa in ambito pubblico.

Ci sembra che il riferimento alla religione, alla chiesa, al Papa e ai sacerdoti sia ricercato o tollerato soltanto quando è per loro conveniente o in linea con il proprio tornaconto e interesse di partito.

Sono questi gli argomenti di discussione che l’opposizione offre per il bene della cittadinanza e per migliorare il Comune?

[ Fratelli d’Italia-Serravalle Pistoiese ]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento