serravalle. BARDELLI (FDI-AN): «È COSÌ CHE LA SINISTRA DIFENDE I DISABILI?»

Fiera di Casalguidi
Fiera di Casalguidi

SERRAVALLE. Come abbiamo appreso dagli organi di stampa, la signora Emanuela Mastrandrea, conosciuta a Casalguidi per le numerose presenze alla fiera annuale, quest’anno non ha potuto utilizzare il posteggio riservato dal Comune di Serravalle agli operatori commerciali disabili perché già occupato da un ambulante non disabile.

Aveva in precedenza pattuito con l’Assessore Fedi che questa volta, a causa delle sue condizioni aggravate di salute, avrebbe partecipato solo il giorno di domenica e per questo non aveva presentato la richiesta di autorizzazione per l’intera durata della manifestazione.

Arrivata sul posto non le è stato fatto valere il suo diritto di persona disabile, tutelato peraltro da leggi regionali sul commercio in aree pubbliche, ma le è stato offerto in alternativa un posteggio un po’ più distante dall’altro, che è stata costretta a rifiutare perché lontano dai servizi igienici, di cui la signora ha frequente bisogno per motivi di salute.

Elena Bardelli, Fdi-An
Elena Bardelli, Fdi-An

Non è la prima volta che ha subito disagi simili alla Fiera di Casalguidi: nel 2013, pur avendo fatto richiesta di partecipazione e pagato il relativo canone Tosap, aveva perso il diritto al posteggio riservato ai portatori di handicap – assegnato a un non disabile – perché proprio a causa di problemi legati alla sua condizione non si era potuta recare sul posto all’inizio della manifestazione.

Per segnalare questa irregolarità di gestione si era rivolta subito dopo al Difensore Civico della Toscana, a cui, a detta della signora, l’amministrazione di Serravalle ha negato i chiarimenti e le informazioni necessari per un completo esame della vicenda.

Al Difensore Civico la Mastrandrea aveva presentato esposto anche nel 2007 denunciando l’assenza di assegnazione stabile del posteggio riservato ai disabili nel mercato settimanale – che darebbe diritto alla riduzione del canone Tosap – tramite il bando comunale previsto per legge (l.r. 9/1999, art. 5; l.r. 28/2005, art. 34).

Eugenio Patrizio Mungai
Eugenio Patrizio Mungai

In questo caso era intervenuto il Sindaco Mochi, facendo presente che la postazione avrebbe dovuto essere assegnata stabilmente, con diritto alla riduzione del canone Tosap, dopo la pubblicazione del bando in corso di redazione e che questo sarebbe stato pubblicato dopo averlo confrontato con quello cui stavano provvedendo i Comuni confinanti.

Potremmo anche sbagliare, ma a noi risulta che tale bando non sia mai stato pubblicato.

Per questo abbiamo interrogato il Sindaco e l’Assessore di competenza per sapere se – nel caso in cui i bandi non siano stati effettuati – quali siano i criteri utilizzati fino ad oggi per l’assegnazione dei posteggi; quali siano i criteri utilizzati per l’assegnazione dei posteggi e se sia giusto che per una inadempienza continuativa della normativa regionale da parte del Comune un operatore disabile, privato della possibilità di ottenere l’assegnazione stabile del posteggio, debba pagare per intero il canone Tosap.

Daniele Fedi, Assessore alle finanze e al bilancio
Daniele Fedi, Assessore alle finanze e al bilancio

Inoltre abbiamo domandato se un operatore commerciale non disabile possa occupare un’area riservata dal Comune agli ambulanti disabili; se nel dirimere questa e le passate situazioni l’amministrazione sia convinta di aver fatto valere le disposizioni delle leggi regionali su menzionate a tutela dei portatori di handicap; se la signora non abbia diritto ad un risarcimento sia per il versamento della Tosap in eccedenza sia per il canone pagato per la partecipazione alla Fiera 2013 senza la possibilità di occupare il posteggio sia per i disagi subiti il giorno 18 settembre 2016.

A noi sembra che per gli amministratori di Serravalle sull’attenzione reale alle persone, alle loro esigenze e ai loro diritti prevalga la logica del “quieto vivere” e della “giustizia fai-da-te”. Le leggi e le regole non contano.

Elena Bardelli
Consigliere Comunale Fdi-An

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

3 thoughts on “serravalle. BARDELLI (FDI-AN): «È COSÌ CHE LA SINISTRA DIFENDE I DISABILI?»

  1. Vedi, Trallori, noi ah Serravalle si governa così, ormai siamo talmente abituati a fare come ci pare.che i regolamenti ci fanno ridere.. In merito alla questione della signora disabile ,ah mille ragioni ….!! si dice però che alla signora, le era stato proposto un posto vicino all’ abbaino,…è vero ! certo se le cose stanno così ah fatto bene la signora ah rifiutare….!! Sono molto rammaricato, che L’ Assessore Fedi abbia agito così se e vero quello che si legge, spero che la cosa venga risolta in maniera positiva, perché figure ah bischero ne fate anche troppe..!

  2. Speriamo che si facciano sentire le associazioni delle persone disabili e le associazioni di categoria. Una ingiustizia più che evidente. Forza signora Mastrandrea, siamo con lei!

Lascia un commento