serravalle. CEMENTO AL POSTO DEL VERDE PUBBLICO NEL CENTRO DI MASOTTI

Il gruppo consiliare Centrosinistra per Serravalle critica la scelta della giunta Lunardi di accogliere la proposta di permuta di un terreno
Ecco come sarà la nuova scuola di Masotti

SERRAVALLE. Atto a dir poco discutibile della Giunta Lunardi relativo ai lavori di ampliamento della scuola elementare e media di Masotti.

Dopo nostre ripetute sollecitazioni, ora ci dicono che i lavori sono fermi da due anni a causa di un errore dei tecnici, (è vero), che ha determinato uno sconfinamento e l’esigenza di acquisire circa 300 metri quadrati di terreno staccandoli dagli oltre 3.100 metri quadrati di una proprietà confinante.

I 300 mq. in questione sono destinati dal Regolamento Urbanistico a “edilizia scolastica” e “strada di previsione”, mentre la parte rimanente di proprietà dei privati è destinata ad ATD, in pratica a terreno sul quale ipoteticamente il Comune può, in futuro, a sua discrezione, decidere di far costruire…

E allora Lunardi che fa?

Il logo del Centrosinistra per Serravalle

Anziché avviare come solitamente si fa la procedura di esproprio dei 300 metri quadri necessari, dopo aver perso due anni di tempo senza acquisire quel terreno rischiando un contenzioso con l’impresa esecutrice dei lavori di ampliamento della scuola, sceglie di accogliere la proposta del privato di permutare i suoi 3.100 mq. di terreno posti in zona agricola non urbanizzata e di difficile accesso, con un altro della stessa superficie di proprietà comunale, posto lungo le vie Astronauti e Giovanni Amendola, completamente urbanizzate, al centro della lottizzazione di Groppoli e destinato a Verde Pubblico attrezzato…

In pratica, con questo atto, nel centro di Masotti al posto del verde pubblico avremo ancora altre costruzioni. Il tutto senza indicare se i due terreni da permutare abbiano o meno lo stesso valore o sia necessario dare o ricevere un conguaglio.

Il gruppo consiliare “Centrosinistra per Serravalle” si è opposto sollevando varie questioni cui non si è data risposta chiarificatrice e suggerendo in alternativa alla permuta altre soluzioni tra cui l’esproprio, anche se con due anni di ritardo, di quei pochi metri quadrati necessari a completare la scuola.

Si è opposto, in sostanza, perché in questo caso non si vede dove sia l’interesse pubblico.

Si è opposto perché se due anni fa quando Lunardi si è insediato avesse avviato la procedura di esproprio di quel poco terreno, se possibile con “occupazione d’urgenza”, oggi la scuola sarebbe molto probabilmente già aperta e funzionante.

[corsini — centrosinistra per serravalle]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

2 thoughts on “serravalle. CEMENTO AL POSTO DEL VERDE PUBBLICO NEL CENTRO DI MASOTTI

Comments are closed.