serravalle. DAGHINI: «SONO DIVERSO DALLA CONSIGLIERA BARDELLI»

Roberto Daghini - 1
Roberto Daghini

SERRAVALLE. Rispondo in merito all’articolo apparso su Linee Future Serravalle-Contraddizioni di Bardelli (Fdi-An): sì agli immigrati, no ai connazionali terremotati.

Questo perché è incomprensibile l’atteggiamento della consigliera Bardelli, il mio intervento è stato chiaro, tutti lo possono leggere agli atti del sito del comune.

Ho solo evidenziato che il problema dell’emigrazione è complesso e chiaramente va ben gestito, perché è fuori dubbio che ci devono essere regole e chiaramente come evidenziato dal consigliere Fassio, c’è chi ci specula.

Ma la vicenda dei terremotati è un’altra cosa, la quasi totalità delle persone colpite ha dichiarato di non volere abbandonare i luoghi e i paesi, anche a costo di rimanere in tenda. Questo perché sono legati ai territori.

Non c’è alcun dubbio che in caso di necessità, come del resto è avvenuto in altri cataclismi se richiesto, l’accoglienza è dovuta.

Per quanto concerne le speculazioni sulle disgrazie, ciò avviene anche a casa nostra, basti pensare le gestioni passate degli aiuti e ruberie sulle ricostruzioni.

Quello che è peggio sono quelle politiche di partiti e persone, a cui poco interessa aiutare sia gli italiani che gli stranieri, ma tendono a dividere il bisogno tra buoni e cattivi, alimentando fobie e paure.

Capisco la consigliera Bardelli che deve farsi pubblicità, del resto non è nuova a questo tipo di prese di posizione, basti pensare ai sui interventi sui numerosi contributi sul sociale (in maggioranza a italiani) che il comune a causa della crisi ha erogato; la sig. Bardelli ha avuto il coraggio di bollarli come troppo generosi e erogati a pioggia, adducendo il fatto che i pensionati al minimo, dopo un periodo si devono provvedere da soli altrimenti diventa assistenzialismo. Dimenticando che una persona anziana e pensionata avrà sempre bisogno di aiuti.

Senza contare i numerosi interventi di cose non vere, inesatte pubblicate sulla stampa, tanti da scriverci un libro. Concludo consigliando la sig. Bardelli ogni tanto di pensare e riflettere a quello che dice e scrive.

Mentre io sono onorato di essere considerato il paladino dei deboli. Che ci vuole fare, sono diverso da lei.

Roberto Daghini
Consigliere Centrosinistra per Serravalle

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

9 thoughts on “serravalle. DAGHINI: «SONO DIVERSO DALLA CONSIGLIERA BARDELLI»

  1. O Daghini, ma la smetta per favore …. ma si crede di essere credibile?
    Ha fatto propaganda per il no di nascosto ai suoi colleghi consiglieri e ora che ha vinto il no continua ad appoggiare la maggioranza che ha votato sì? con quale faccia?

  2. scusate la mia ignoranza, ho fatto la terza media e basta, ma signora non si abbrevia con Sig.ra? nei mesi scorsi guardavo una trasmissione in tv e un personaggio politico chiamò signora una sua pari e lei si arrabbio molto….

  3. Sì, Daghini, lei è proprio diverso dalla Bardelli… infatti gli avvisi di garanzia pare siano arrivati a lei e ai suoi fidi compagni (secondo le notizie dei giornali), che si ostina spudoratamente a sostenere, e non alla Bardelli.

  4. Lei. sig. Daghini, ha una spiccata e naturale predisposizione alla comicità. Glielo ha mai detto nessuno? A mio parere potrebbe tentare la carriera di comico ricavandone maggiori soddisfazioni e profitto che dall’incarico di consigliere comunale e di prossimo candidato a sindaco, come si suol dire in quel di Casale. Ci pensi.

  5. Sia lei, sig. Daghini, a dare l’esempio e a pensare per primo a cosa fa. Il codice etico che lei e i suoi compagni avete voluto non parla per esempio, in certi casi che lei sa, di dimissioni?

Lascia un commento