serravalle. GORBI: «INTERROGAZIONI IGNORATE»

Federico Gorbi
Federico Gorbi

SERRAVALLE. A gennaio di questo anno, esattamente il giorno 8 ed il giorno 11, ho presentato due interrogazioni a risposta scritta al Sindaco del Comune di Serravalle Pistoiese.

Non è particolarmente importante ora riportare quali fossero le domande che rivolgevo al Sindaco e all’assessore competente.

Basterà però dire che il 4 maggio, dopo quattro mesi, ho scritto al Sindaco facendo presente che ancora non avevo ricevuto alcuna risposta alle interrogazioni.

La legge prevederebbe una risposta fornita al massimo in trenta giorni, ma, spiegavo al Sindaco nel mio sollecito, “non mi sono mai appellato al rispetto dei tempi previsti dalle norme e dai regolamenti, contando più sulla ragionevolezza delle persone, sul dialogo e sul confronto”.

Nemmeno la mia richiesta del 4 maggio ha però avuto la dignità di essere presa in considerazione né dal Sindaco né dall’assessore interrogato.

Aggiungo che durante questo mandato non ho mai sommerso la Giunta con interrogazioni continue, limitandole ad una decina, forse meno in quattro anni, e preferendo il confronto diretto in sede di Consiglio o di commissione.

A questo punto, dopo oltre sette mesi dalla presentazione delle interrogazioni, e dopo tre mesi dal sollecito, mi domando quale sia il rispetto che la Giunta di Serravalle mostra nei confronti dei Consiglieri comunali.

Non ho mai usato certi metodi, ma forse la Giunta preferisce che scriva al Prefetto perchè intervenga nel richiedere il rispetto della legge?

E se per una Giunta è così complicato rispondere a due semplicissime domande, per nulla capziose, quale efficacia dell’azione amministrativa pensano gli possa essere attribuita dai cittadini in materie ben più complicate?

Federico Gorbi
Capogruppo Serravalle Popolari e Riformisti

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento