serravalle. INDAGINE EPIDEMIOLOGICA, FDI: IL PD AMMETTA LE SUE COLPE

“Gli esponenti Pd pretendono dall'attuale amministrazione le spiegazioni che essi non sono riusciti a dare”
La partecipata assemblea svoltasi al teatro Francini

SERRAVALLE. In merito all’indagine epidemiologica in corso nella zona di Casalguidi, Fratelli d’Italia-Serravalle Pistoiese desidera ribadire quanto ha sempre sostenuto.

Il sindaco, quale responsabile ultimo della sanità pubblica, ha il dovere di prevenire rischi e pericoli, tutelando la salute dei cittadini: per questo ha fatto bene a sostenere con ogni mezzo l’indagine epidemiologica condotta dall’ASL Toscana Centro su sollecitazione dei medici di base di Serravalle.

L’Amministrazione Comunale, che per il principio della trasparenza ha il compito di informare costantemente la popolazione, ha fatto il suo dovere comunicando le motivazioni, le modalità e l’inizio dell’indagine, e indicendo l’assemblea pubblica sia al fine di evitare allarmismi sia al fine di fugare dubbi e diffidenze.

I medici di ASL Toscana Centro, che stanno collaborando con Arpat, devono da parte loro prodigarsi per ricercare a 360 gradi le possibili cause dei tumori che sono oggetto della ricerca, tenendo nella debita considerazione la presenza della discarica e l’inquinamento dei pozzi, che francamente ci sembrano fattori di rischio.

L’area interessata dall’inquinamento della falda acquifera da cloruro di vinile e da 1-2 dicloretilene

Il tema della salute non ha colore politico: per questo tutte le forze politiche dovrebbero avere in merito lo stesso obiettivo e collaborare per raggiungere la meta, evitando perciò le posizioni estreme delle derive ambientaliste e delle minimizzazioni del problema, che non portano a niente se non — come è accaduto proprio durante l’assemblea pubblica — a scontri ideologici senza senso che ostacolano il lavoro dei medici e degli esperti impedendo di vedere obiettivamente la realtà.

Stupisce l’atteggiamento degli esponenti del Pd: dopo aver appoggiato le amministrazioni precedenti che avevano nascosto alla cittadinanza la contaminazione dei pozzi da cloruro di vinile e omesso di rinvenirne le cause, adesso senza ammettere le proprie colpe e i propri sbagli pretendono non solo che l’attuale giunta fornisca le spiegazioni che loro stessi non sono riusciti a dare, ma che proceda anche velocemente alla bonifica delle falde acquifere, nonostante i tecnici abbiano comunicato la complessità della procedura.

Lucio Avvanzo —Elena Bardelli (Fratelli d’Italia-Serravalle Pistoiese)

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email