serravalle. INDAGINE EPIDEMIOLOGICA. IL SINDACO LUNARDI RISPONDE AL PD

"Non abbiamo omesso niente". Alcune precisazioni del primo cittadino
Indagine epidemiologica

SERRAVALLE. “Siamo estremamente felici che il Pd si sia finalmente svegliato da un lungo sonno e abbia preso coscienza dei problemi che riguardano il nostro territorio soprattutto in tema di salute pubblica – afferma il sindaco Piero Lunardi – segno che la comunicazione che abbiamo messo in campo sta dando i suoi frutti visto che fa riflettere e discutere, ma soprattutto tiene informati i cittadini.

Appena siamo venuti a conoscenza che nel nostro comune il numero delle malattie rare era in aumento ci siamo immediatamente attivati richiedendo un’indagine epidemiologica a tappeto e ci siamo premuniti di avvertire del problema i cittadini senza omettere niente. Il Pd ci richiama ad un’informazione più capillare, ci ricorda che la verità non deve far paura e che la salute viene prima di qualsiasi interesse economico.

Al riguardo alcune precisazioni sono d’obbligo.

Piero Lunardi

La discarica del Cassero è attiva dal 1996 e il suo ampliamento è stato autorizzato nel 2007, anni in cui al governo del paese c’era la sinistra; la prima volta che qualche ente ha comunicato al comune che il pozzo denominato Matp281 in via del Redolone era inquinato è stata Arpat il 16/12/2014.

Il 19/12/2014 Usl chiese al Comune di diffidare Publiacqua dall’utilizzare l’acqua di quello specifico pozzo per il consumo umano. Il 20/12/2014, per dare seguito alla richiesta di Usl, il Comune diffidò Publiacqua dall’utilizzare l’acqua di quel pozzo per il consumo umano che però era già inattivo dal 2003; l’attuale amministrazione (ma anche l’ufficio tecnico) è stata nuovamente messa a conoscenza che il problema riguardava tutta la falda della zona, con una comunicazione di Arpat del 22/01/2019.

Il 24/01/2019 Usl propose al sindaco di emettere ordinanza al fine di vietare il consumo umano dell’acqua dei pozzi in quella zona. Il 25/01/2019 fu emessa l’ordinanza chiesta da Usl.

In merito alla richiesta da parte del Pd – conclude il sindaco Lunardi – di una maggiore e capillare informazione, come amministrazione, una volta venuti a conoscenza del problema, ci siamo attivati per predisporre un’indagine epidemiologica sul territorio avvertendo immediatamente i cittadini e successivamente abbiamo indetto un’assemblea pubblica a cui hanno partecipato i soggetti che stanno eseguendo l’indagine, per informare le persone in modo chiaro e dettagliato su tutto ciò che sta avvenendo”.

[innocenti — comune di serravalle]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email