serravalle jazz. BILANCIO POSITIVO ANCHE PER IL TOUR IN MONTAGNA

Circa mille le presenze per la prima edizione, che ha raggiunto Gavinana, Abetone, Prunetta, Popiglio e Orsigna
Serravalle Jazz in tour, la locandina

PISTOIA. Una scommessa vinta quella della prima edizione del Serravalle Jazz in tour, il festival itinerante organizzato da Fondazione Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia, Fondazione Promusica, Comune di Serravalle Pistoiese ed Ecomuseo della Montagna pistoiese in collaborazione con i Comuni di Pistoia, Abetone Cutigliano e San Marcello Piteglio.

A dimostrarlo sono le presenze ai concerti: un migliaio circa, per una media di 200 persone ad evento. Unica nota negativa il tempo ballerino di luglio, che ha costretto per ben due volte a spostarsi in location al chiuso.

Per la prima volta in diciassette anni Serravalle Jazz ha raddoppiato la sua presenza sul territorio, lasciando la Rocca di Serravalle (dove tornerà a fine agosto) per raggiungere la montagna. Cinque i pomeriggi, tutti totalmente gratuiti, che hanno animato la montagna pistoiese: 8, 15, 22, 29 luglio e 5 agosto.

Teatro della prima esibizione è stata la bella Pieve di Santa Maria Assunta a Gavinana, dove protagonista è stato il pianista, compositore e direttore Mauro Grossi, che ha suonato composizioni originali e improvvisazioni libere sullo storico organo Agati-Tronci.

Domenica 15 luglio è stata la volta del Fat fingers sax quartet, composto da Moraldo Marcheschi (sax soprano), Renzo Cristiano Telloli (sax alto), Alessandro Rizzardi (sax tenore) e Rossano Emili (sax baritono), che ha suonato all’Orto botanico forestale di Abetone.

Silvia Benesperi Quartet
al Molino di Giamba all’Orsigna

Domenica 22 luglio si è tenuto il concerto dei White Orcs, la band toscana composta da Vincenzo Genovese (rhodes e synth), Riccardo Onori (chitarra), Marco Galiero (basso), Francesco Cherubini (percussioni), Andrea Tofanelli (tromba), Luca Ravagni (alto sax), Stefano Scalzi (trombone), Nadyne Rush e Greta Mirall (voci soliste), che a causa del maltempo ha dovuto spostarsi dal pratone della Macchia Antonini alla chiesa di Prunetta.

Domenica 29 luglio il teatro Mascagni di Popiglio ha ospitato i Botte di cool, ovvero Fabio Morgera (cornetta e flicorno), Dario Cecchini (sax baritono e soprano), Guido Zorn (contrabbasso) e Alessandro Fabbri (batteria).

Infine domenica 5 agosto, nella magica location del Molino di Giamba a Orsigna, per l’ultima tappa del Serravalle Jazz in tour si è esibito il Silvia Benesperi Quartet, composto da Daniele Biagini (pianoforte), Alessandro Antonini (contrabbasso), Alessandro Benedetti (batteria) e Silvia Benesperi (voce). Ospite d’onore Paolo Scali (sax tenore).

“Sono molto contento del bel successo del Serravalle Jazz in montagna, ha dichiarato il direttore artistico Maurizio Tuci. Ha ottimamente funzionato la solita organizzazione, facendo tesoro della preziosa collaborazione delle strutture dell’Appennino, così come la parte tecnica relativa al suono, garantita dal gruppo Batosti. Ottima anche la partecipazione di un pubblico appassionato, fedele e numeroso, nonostante la manifestazione fosse al debutto e le difficoltà di raggiungere le location non facilitassero proprio i volenterosi.

Anche il tempo non bellissimo, ha cercato, senza riuscirci, di rovinare la festa. Naturalmente la ciliegina sulla ricca torta ce l’hanno messa i musicisti, fornendo prestazioni di assoluto livello. Insomma un’esperienza da replicare”.

La conferenza stampa del Serravalle Jazz in Tour

“Una scommessa vinta – dichiara il presidente della Fondazione Caript Luca Iozzelli – Il tour in montagna della manifestazione musicale farà da apripista a molte altre iniziative del genere, che prenderanno direzioni sempre nuove, ma saranno comunque caratterizzate dalle tradizionali prerogative del festival, ovvero qualità e accessibilità per tutti”.

I concerti di Serravalle Jazz in montagna — dichiara Emanuela Geri dell’Ecomuseo della Montagna pistoiese — rappresentano un’ottima iniziativa, sia per divulgare la musica di qualità, sia per abbinarla alla conoscenza e riscoperta di luoghi a valenza turistica.

La Fondazione Caript, con la direzione artistica di Maurizio Tuci, ha dimostrato ancora una volta di avere a cuore l’area montana del territorio e di volerla valorizzare con proposte piacevoli come questi concerti.

Il concerto con i White Orcs, ospiti speciali a Prunetta per il Serravalle Jazz in montagna!

L’Ecomuseo ha collaborato volentieri all’organizzazione degli eventi, proprio nella convinzione che Serravalle Jazz in montagna possa incrementare la presenza di turisti e anche raccogliere almeno in parte l’eredità del festival Sentieri Acustici (anch’esso finanziato dalla Fondazione) che era riuscito a consolidare un pubblico di appassionati della world music provenienti da tutta Italia. Speriamo che l’esperienza fatta in questo anno, viste le numerose presenze, possa essere ripetuta in futuro”.

“Quest’anno una costola di Serravalle Jazz — conclude il sindaco di San Marcello Piteglio Luca Marmo — ha raggiunto i territori della Montagna pistoiese. Un bel gesto di attenzione nei riguardi di un territorio, il nostro, che da sempre alimenta quella autentica relazione con la natura che è condizione fondamentale per fruire in modo pieno delle discipline creative.

Il panorama dell’offerta musicale estiva si arricchisce ancora di suoni e di colori. Uno strumento in più, per cittadini e turisti, che consente di fruire al meglio della bellezza della montagna. Un grazie di cuore agli organizzatori e alla Fondazione Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia, da sempre vicina ai bisogni delle nostre comunità”.

Serravalle Jazz in tour ringrazia per la collaborazione la cooperativa Val d’Orsigna, l’Unione Comuni dell’Appennino e la Diocesi di Pistoia.

[notari/sichi—targetnet]

 

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento