serravalle jazz. STEFANO “COCCO” CANTINI TRIO E DANILO REA ALLA ROCCA DI CASTRUCCIO

Gradito ritorno stasera per Stefano “Cocco” Cantini Trio con la performance Straight Life. Nella seconda parte della serata la consegna al pianista Danilo Rea del Premio Renato Sellani
Il concerto inaugurale di ieri alla Rocca di Serravalle 2019

SERRAVALLE. Sarà una serata davvero spettacolare quella di stasera lunedì 26 agosto, alla Rocca di Castruccio, nel Comune di Serravalle Pistoiese, dove è in corso di svolgimento la diciottesima edizione del Serravalle Jazz Festival.

Quattro intense giornate, promosse da Associazione Teatrale Pistoiese con la direzione artistica di Maurizio Tuci, il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e del Comune di Serravalle Pistoiese, in cui sarà possibile ascoltare artisti di calibro internazionale che si alterneranno sul palco seguendo il comune fil rouge “A volte ritornano”, tema scelto per la rassegna, che la dice già lunga sugli ospiti musicali dell’edizione 2019.

L’ingresso ai concerti, che inizieranno tutti alle 21 in punto, è gratuito fino a esaurimento posti.

Si partirà con la performance Straight Life, che segna il gradito ritorno al Serravalle Jazz di Stefano “Cocco” Cantini Trio, che presenterà al pubblico della Rocca brani del grande John Coltrane.

Andrea Beninati

Considerato uno dei più grandi interpreti mondiali del sax tenore e soprano, Stefano “Cocco” Cantini, che ha suonato con alcuni dei più grandi artisti nazionali ed internazionali come Michel Petrucciani, Chet Baker, Dave Holland, Enrico Rava e Paolo Fresu, sarà protagonista di un nuovo concerto, accompagnato dal contrabbasso di Ares Tavolazzi e dalla batteria di Andrea Beninati.

Si prosegue con l’attesissimo Premio Renato Sellani, dal 2015 un punto fermo di Serravalle Jazz, che quest’anno andrà a Danilo Rea, uno dei più affermati pianisti europei, che aprirà in piano solo e, nella seconda parte dell’esecuzione, chiamerà sul palco con lui Nico Gori, Ellade Bandini e Massimo Moriconi.

Creato in ricordo della carismatica figura del pianista marchigiano, scomparso a ottantotto anni nel 2014, il riconoscimento nasce da un’idea del sassofonista Nico Gori, accolta con grande entusiasmo dal direttore artistico Maurizio Tuci e dagli organizzatori di Serravalle Jazz.

Danilo Rea

La giuria del Premio Sellani è composta da amici del musicista scomparso: lo stesso Nico Gori, la cantante fiorentina Stefania Scarinzi, il contrabbassista romano Massimo Moriconi, il direttore artistico Maurizio Tuci, il grande batterista Ellade Bandini e il vincitore della prima edizione, il pianista Alessandro Lanzoni.

Con i suoi indimenticabili concerti e la sua amicizia, Sellani ha onorato Serravalle Jazz della propria presenza, contribuendo non poco alla sua crescita negli anni.

Come sempre il pomeriggio, a partire dalle 18, sarà dedicato ai seminari a tema, che si terranno all’Oratorio della Vergine Assunta di Serravalle Pistoiese.

Parlando di Coltrane, è il titolo del seminario che Cocco Cantini e il direttore artistico del Serravalle Jazz Maurizio Tuci, terranno nella seconda giornata del Festival, oggi lunedì 26 agosto.

Gli spettacoli sono garantiti anche in caso di pioggia, ma col maltempo si svolgeranno in un’altra location. Nelle quattro serate del festival è previsto un servizio gratuito di bus navetta (parcheggio Masotti / Serravalle paese) dalle 20.30 alle 00.30.

Per ulteriori informazioni contattare l’Ufficio Cultura (0573 917204) e l’Ufficio Informazioni Turistiche (0573 917308 o 0573 21622) del Comune di Serravalle Pistoiese. È possibile consultare anche la pagina Facebook @SerrJazz.

www.serravallejazz.it
www.teatridipistoia.it
www.fondazionecrpt.it

[sichi/notari – target]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email