serravalle. “LA REGIONE DEVE METTERE ARPAT NELLA CONDIZIONE DI ESSERE OPERATIVA E DI RISOLVERE TEMPESTIVAMENTE I PROBLEMI”

Maleodoranze 2

SERRAVALLE. Ci fa piacere che ARPAT abbia finalmente individuato la causa delle maleodoranze diffuse in località Cantagrillo e Ponte Stella, su cui siamo intervenuti più volte chiedendo attenzione e risposte sollecite al problema.

Nella nota divulgata si legge che “gli accertamenti in campo e l’esame di tutta la documentazione acquisita e di quella trasmessa dal gestore anche a seguito dei controlli straordinari di Arpat hanno evidenziato inottemperanze alle prescrizioni Aia, in particolare sulla gestione delle coperture a fine giornata e a fine settimana delle zone in coltivazione della discarica”.

Ricordiamo però che nel dicembre scorso, dopo diversi mesi di segnalazioni, l’ente di controllo — in stato di sofferenza per i pesanti tagli al personale — non rilevava a priori elementi che potessero collegare il fenomeno con l’attività della discarica, invitando il Comune a considerare anche altre possibili cause dei cattivi odori: “le ore in cui più frequentemente sono state avvertite le maleodoranze, secondo le segnalazioni, non coincidono con quelle di lavorazione dei rifiuti in discarica; la tipologia degli odori segnalati è variegata e spesso poco attinente alle caratteristiche tipiche delle emissioni di discarica; nessuno dei sopralluoghi effettuati (da vari soggetti) presso la discarica in questo periodo ha evidenziato maleodoranze significative nei pressi dell’impianto”.

La vicenda evidentemente insegna che ci si può pronunciare solo alla luce di dati oggettivi e certificati, dopo controlli adeguati e accurati all’interno dell’impianto, che quindi dovranno essere effettuati da ora in poi con maggiore frequenza e sistematicità a tutela della sicurezza pubblica.

Occorre anche una più attenta considerazione delle segnalazioni dei cittadini, che hanno diritto ad avere risposte veloci e soluzioni efficaci alle criticità.

La Regione Toscana, invece di penalizzare Arpat con il taglio del personale, avrebbe dovuto fin da subito metterla nelle condizioni di poter operare al meglio, dotandola di tutti gli strumenti e risorse necessari per le opportune verifiche e indagini: la salute e la sicurezza della cittadinanza devono essere sempre messe al primo posto e tempestivamente tutelate.

Matteo Giovannoni, Capogruppo FdI-Serravalle Pistoiese

Stefano Agostini, Consigliere Comunale FdI-Serravalle Pistoiese

Patrizia La Pietra, Consigliere Comunale FdI-Serravalle Pistoiese

Elena Bardelli, Portavoce Comunale FdI-Serravalle Pistoiese

[fdi serravalle]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email