serravalle & politica. SUL GRUPPO FDI IL SINDACO LUNARDI INTERVIENE E PRECISA

«Tengo a chiarire che il mio punto fermo è la stabilità della squadra di governo che è questa e questa rimarrà fino a fine mandato. Dopo saranno i cittadini a giudicare se avremo lavorato bene oppure no, ma non di certo un partito politico»

Non abbiamo ingannato nessuno

 

Piero Lunardi, sindaco di Serravalle Pistoiese

 

Il 30 aprile si è formato il nuovo gruppo consiliare di Fratelli d’Italia ed essendo in un regime democratico e non dittatoriale, la lista civica Uniti per Serravalle ha dato il suo benestare.

Sinceramente in tutto questo non ci vedo niente di sconvolgente, né qualcosa di unico in politica per cui non capisco l’accusa di aver ingannato i cittadini.

Quando ci siamo presentati alle elezioni i cittadini sapevano che la nostra lista era appoggiata dal centrodestra e quindi non c’è stato nessun inganno anche perché noi lavoriamo sempre alla luce del sole.

Forse Fratelli d’Italia dopo tre anni e visto il riscontro di consensi che il partito riceve a livello nazionale, ha deciso di formare un proprio gruppo per rimarcare questi consensi e anche sul nostro territorio non ci vedo niente di particolarmente strano.

Semmai mi fa specie che da parte del centrosinistra si parli di inganni nei confronti dei cittadini. Detto da chi per anni ha gestito il territorio, che prima ha dato il via libera alla costruzione di una discarica e poi al suo raddoppio, che ha taciuto sull’inquinamento della falda da cloruro di vinile noto già nel 2010, che ha consentito di costruire senza tenere conto dello smaltimento delle acque superficiali le cui conseguenze si sono viste in quest’ultimo anno, mi sembra decisamente fuori luogo.

A questo voglio aggiungere, per sgombrare il campo da qualsiasi dubbio in merito a voci che circolano, che smentisco in maniera categorica che il gruppo di Fratelli d’Italia sia nato per osteggiare le decisioni della maggioranza. Se ciò dovesse avvenire il gruppo di Fratelli d’Italia ne risponderà davanti ai cittadini visto che noi lavoriamo per loro e per il futuro dei nostri figli.

Tengo a chiarire che il mio punto fermo è la stabilità della squadra di governo che è questa e questa rimarrà fino a fine mandato. Dopo saranno i cittadini a giudicare se avremo lavorato bene oppure no, ma non di certo un partito politico.

Il Sindaco
Piero Lunardi

______________________________________________

 

Patrizio La Pietra. È stata opportuna la mossa della costituzione del Gruppo FdI?

 

CON QUESTO INTERVENTO Lunardi vuole rimettere in piedi i birilli e risponde anche al centrosinistra e all’intervento di Leardo Corsini.

E ha ragione a ricordare alla minoranza che un atteggiamento più prudente e meno sbilanciato non farebbe male, visti i problemi che la discarica, il suo raddoppio e le sue falle con sversamenti nel terreno, hanno causato alla salute pubblica casalgrillina: tutte realtà coperte e nascoste  dal silenzio complice della sinistra.

Lunardi sottolinea anche che il gruppo FdI non è nato – come è stato detto da più parti – per osteggiare la maggioranza.

Non solo ne siamo convinti, ma – nei limiti di quanto possiamo sapere in via ufficiosa – ne siamo quasi certi, visto che questo è stato ribadito da più parti, anche in via non ufficiale (cioè da parte di singoli consiglieri), la strada che è la fonte più attendibile secondo il termometro della temperatura della politica.

Vero è quello che dice Lunardi («tutti sapevano che eravamo appoggiati dalla destra, quindi non abbiamo ingannato nessuno») e vero che nessuno (tantomeno la destra) intende togliere il terreno di sotto i piedi a Lunardi.

Come osservatori esterni dobbiamo però ribadire il nostro punto di vista. E lo facciamo iniziando da una domanda emblematica: era necessario formare un gruppo FdI proprio ora? O non sarà, tutto questo, un motivo di maggior debolezza per l’area del Senatore specie se si pensa alle questioni che riguardano da vicino il capogruppo Matteo Giovannoni?

Questa domanda la rivolgiamo a un aspirante giornalista, Claudio Spinelli: sicuramente all’altezza di fare il cronista non peggio di noi!

E.B.
[direttore@linealibera.info]
Delitto di cronaca, critica, satira

Attenti a traversare il Rio di Casale saltando di sasso in sasso. Per via della tombatura realizzata dal Pd, l’acqua ristagna e sulle pietre crescono alghe verdi molto scivolose: c’è il rischio che chi salta perda l’equilibrio e sbatta malamente il capo.


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email