serravalle-satira. “IN TASCA NOSTRA” E LE VICENDE DEL COMUNE

«La strategia del silenzio era nota e condivisa da molto tempo dai vari giuristi residenti nel Comune di Serravalle»
Feste serravalline
Feste serravalline

SERRAVALLE. Un intervento polemico-satirico del Comitato “In Tasca Nostra” onlus:

Caro direttore,
chiederemmo ospitalità per dar conto della nostra iniziativa. La scorsa settimana per il 3° anno consecutivo abbiamo organizzato la “Sagra del Ranocchio Bottacciolo” a Ponti di Cencino. In breve, le riassumo che nel corso della manifestazione abbiamo preparato e servito circa 800 pasti a euro 20.00 ciascuno.

I ranocchi li abbiamo pescati nel torrente Stella e l’acqua era quella dei fontanelli. Il nostro comitato, nel rispetto delle tradizioni del territorio di Serravalle Pistoiese, non ha emesso alcun documento fiscale. Considerando che il comitato è composto da n. 6 persone, adesso andiamo in vacanza. A buon intenditor poche parole.

Tuttavia, la nostra non è solo una rassegna gastronomica. Anche quest’anno abbiamo organizzato un dibattito con diversi costituzionalisti. L’argomento era: Rinvio a giudizio dopo pranzo, che fare?

Alla tavola rotonda hanno preso parte diversi giuristi tra cui: il Prof. Nunzio Vobis, costituzionalista e consulente per gli affari giuridici dello Studio Fedele-Amico; il Prof. Avv. Sassaroli dello Studio Sassaroli-Mascetti & C. e il Prof. Augusto Divino dello Studio Divino-Otelma. Per sintesi riportiamo gli interventi che hanno riscosso i maggiori favori da parte dei presenti:

1) il Professor Mondello dello studio Taormina ha affermato che il rinvio a giudizio rappresenta il modo “ordinario” di esercizio dell’azione penale. La richiesta deve contenere una serie di elementi tra i quali l’enunciazione in forma chiara e precisa delle imputazioni.

Ohiohi...! Ho mangiato troppo!
«Ohiohi…! Ho mangiato troppo!»

Tale elemento è di fondamentale importanza poiché fissa l’oggetto dell’udienza preliminare e soprattutto garantisce all’imputato di esercitare compiutamente il diritto di difesa.

La richiesta viene depositata nella cancelleria del giudice competente (Gup) il quale fissa l’udienza e ne fa dare avviso alle parti.

La “richiesta di rinvio a giudizio” è disciplinata dagli artt. 416 ss. cpp.

Essa è formulata dal pubblico ministero ogniqualvolta egli ritiene che nel corso delle indagini preliminari siano stati raccolti elementi sufficienti a sostenere l’accusa nell’eventuale successivo giudizio.

2) il Professor Bartali dello studio Coppi ha affermato che, sino al pronunciamento del Gup, l’imputato ha diritto a tacere la notizia del proprio rinvio a giudizio, soprattutto nel caso si tratti di un consigliere o di un amministratore pubblico, con la motivazione che i cittadini non sono sufficientemente intelligenti per capire le varie fasi processuali e tendono ad emettere un giudizio sommario che in alcuni casi potrebbe rovinare la carriera politica o le aspirazioni del malcapitato (vedi anche assemblea per lavori della ferrovia, con la nuova formula “democrazia per gli intimi”…).

Dobbiamo segnalare che il pubblico è rimasto meravigliato dalla tesi sostenuta dal professor Bartali e spacciata come innovativa.

Infatti, secondo alcuni dei presenti, la strategia del silenzio era nota e condivisa da molto tempo dai vari giuristi residenti nel Comune di Serravalle.

Ringraziamo per l’ospitalità e invitiamo tutti alla “Sagra del Ranocchio Bottacciolo” del prossimo anno.

Comitato “In Tasca Nostra” onlus

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento