serravalle. UN ANNO FA L’ALLUVIONE A CASALGUIDI, DEI FONDI PROMESSI IL COMUNE NON HA RICEVUTO NEMMENO UN CENTESIMO

Fdi: “Regione inadempiente. Il Comune e i cittadini attendono ancora le risorse promesse”

L’alluvione a Casalguidi

SERRAVALLE. È trascorso ormai un anno dal disastroso allagamento nella frazione di Casalguidi, che coinvolse anche il centro urbano provocando ingenti danni alla popolazione e all’ambiente.

Non dimentichiamo il sopralluogo  dell’ex assessore regionale Fratoni e dell’attuale governatore della Toscana, allora Presidente del Consiglio Regionale, che  si precipitarono prontamente nel nostro Comune all’indomani dell’evento  promettendo aiuti e sostegno economico immediati da parte dell’ente regionale.

Come sempre parole e soltanto parole. I due dimenticarono di dire peraltro che gli allagamenti e fenomeni simili, divenuti frequenti nella zona di Casalguidi negli ultimi anni, avrebbero potuto essere evitati da parte della Regione con una pianificazione seria e sistematica per la messa in sicurezza del territorio in tutta la Toscana, che invece per diversi anni è totalmente mancata.

Purtroppo l’amministrazione comunale dei fondi promessi non ha ricevuto nemmeno un centesimo.

Dopo anche le recenti esternazioni di Fratoni a proposito dell’individuazione del responsabile dell’inquinamento delle acque da cloruro di vinile nel nostro comune, possiamo affermare con convinzione che certi esponenti politici e amministratori regionali evidentemente amano le passerelle e stare sotto i riflettori piuttosto che farsi carico dei problemi e delle necessità delle popolazioni e territori da loro governati.

Per quanto  tempo ancora dovranno attendere i cittadini  per ottenere  le risorse economiche a risarcimento dei danni subiti dalle loro abitazioni e attività?

Circolo Fratelli d’Italia- Serravalle Pistoiese

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email