siamo diversi. E CERTAMENTE MIGLIORI DEI PUROSANGUE DEL SÌ…

E riavremo per forza il Giullare
E riavremo per forza il Giullare

SOLO PERCHÉ NOI, “l’accozzaglia” o parte di essa, siamo diversi, non faremo come Maramaldo. Troppo comodo e troppo vile.

Ma se avessero vinto gli altri, quelli del Sì, cioè il Pd, non avremmo dovuto aspettarci analogo rispetto, dirà qualcuno.

Proprio per questo, perché siamo diversi e superiori: sì, superiori.

L’abbiamo detto e scritto: la loro superiorità culturale è come la carta igienica, usa e getta.

L’Italia, a prescindere dal risultato, ha risposto alla grande in termini percentuali e lo ha fatto in maniera netta.

Adesso, dopo che si saranno consumate le prevedibili vendette all’interno del Pd e dopo che il Berlusca si riproporrà come l’arbitro dei futuri accordi elettorali, attendiamoci la doverosa grandinata di “distinguo”, di “vorrei ma non posso”, ai quali questa imbelle e moralmente fradicia classe politica ci ha abituato.

Finalmente può farsi assumere con il suo Jobs Act. E sarà contento
Finalmente può farsi assumere con il suo Jobs Act. E sarà contento

Questi cretini di politici democratici arriveranno a comprendere che per la prima volta e liberamente il popolo, provocato oltre ogni limite e quasi costretto ad esprimersi, ha di fatto messo in mora tutto il politicume nostrano votando No non solo al semplice e furbastro quesito referendario, ma al concetto stesso di democrazia-cabaret che da troppi decenni, tutti, abbiamo dovuto subire?

Renzi è morto (politicamente): viva Renzi! Dato che non se ne va. Che serietà eh?

Ricordiamoci che nelle pieghe del No vittorioso si annidano i vari D’Alema, la stranamente silente Rosy Bindi, De Mita e tutto il ciarpame di una parte della vecchia repubblica pronta a tornare sulla scena.

Qualcuno pensa che il Berlusca che ha votato No mentre i suoi affari, cioè le sue televisioni, hanno votato , prenda atto “solamente” del risultato o invece non torni con le sue “menate” a riproporci favole e contratti televisivi con il popolo italiano?

È vero: è stato sconfitto il trasformismo camuffato da novità.

Facciamo un referendum serio e condiviso per abolire le Regioni, per applicare veramente la responsabilità civile (e penale…) dei giudici, per ricondurre nell’alveo statale i beni comuni e insopprimibili come la Sanità e l’acqua.

Facciamo un referendum in cui le Regioni a statuto speciale, territori succhia soldi e con inammissibili privilegi, vengano soppresse.

Renzi e gli italiani [www.finanzaonline.com]
E si riparte da capo!
Chi dichiara che tutto ciò non sarà più possibile, lo invitiamo ad una lettura della Costituzione più approfondita.

È il momento di rimetterci tutti assieme e di mettere all’angolo i parassiti della politica, quelli che compaiono alle televisioni e sui giornali e che rappresentano solo l’aspetto velinaro della politica italiana.

In Italia esistono persone per bene e capaci che possono offrire la loro serietà e competenza specifica al di là e al di sopra delle parti.

Questo referendum ci dice che, forse, gli italiani si stanno svegliando e, anche se il voto che ne è scaturito è frutto in molti casi di simpatie o antipatie e non di reale convincimento, è pur vero che qualcosa si sta movendo.

Purtroppo abbiamo un Presidente della Repubblica che si chiama Mattarella: un democristiano di quelli ancora attivi in politica (altro errore o furberia del bomba-Renzi che lì lo ha collocato) che si comporterà da democristiano, cioè sceglierà di non scegliere.

Questo signore non possiamo mandarlo a casa neppure con un referendum. Peccato!

Pretendiamo, nel prossimo futuro, di poter “direttamente” nominare anche il Presidente della Repubblica: che ci sarebbe di male?

Sono tutti d’accordo
Sono tutti d’accordo, sono tutti Dc

Così, se sbaglia, potremmo anche mandarlo via a calci in culo come certi presidenti dei deprecati Usa!

[Felice De Matteis]

________________

UNA SOLA DOMANDA

Ma per governarci decidendo da noi secondo la vera parola della Costituzione, e togliendoci di dosso i parassiti dei non eletti voluti da un partito minoritario, dobbiamo per forza imbracciare il fucile?

e.b.

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento