SOCIAL VALLEY, CIOÈ USO DELLE RISORSE ALTRUI CAMUFFATE DA FINALITÀ SOCIALE

Social Valley

SAN MARCELLO. Social Valley, cioè Dynamo, cioè Kme, cioè terzo settore, cioè Manes, cioè uso delle risorse altrui camuffate da finalità sociale, da rinascita del territorio, da sicuro elemento di crescita del territorio montano: in parole poverissime, appropriazione indebita di territori e di ricchezze altrimenti fruibili ed usufruibili.

Purtroppo il “Vento dell’est” (meravigliosa canzone del “fascista “ Battisti”) ha “deviato” in questa campagna elettorale provinciale lasciando l’unica enclave cattocomunista in mano ai mestatori del potere e alle loro consorterie. Consorterie potenti, avvolgenti, amichevoli e disponibili.

Comuni, Unione dei Comuni, tricchete e tracchete e cià, cià, cià.

Gli operai di estrazione Kme sono tutti con il culo per terra, gli stabilimenti chiusi, i pomodori figli del rame scoppiettano d’immenso odore (come a Tana Termini), ma il “progetto” procede spedito ed accumula consensi.

Leggetevi il progetto Social Valley e comprenderete che l’obiettivo è il possesso del territorio; quello che sta avvenendo con la partecipazione di società, associazioni e personalità che in Montagna hanno un loro riferimento valido e riconosciuto e, purtroppo, nella stragrande maggioranza dei casi, in buona fede.

Allora, sono tutti cretini? No, semplicemente si tratta di persone in buona fede che, ci spiace dirlo, confidano oggi, come allora confidavano nella benevolenza di Orlando, nelle “grazie e nei favori” altrui, senza prendere in considerazione il famoso principio che “faber est suae quisque fortunae”, ciascuno è artefice della propria sorte.

Perché se così non fosse, aveva ragione il Bertinelli, il politicamente trombato sindaco di Pistoia, a prospettare un comunone da Pistoia fino all’Abetone. Avvocato, stia calmo, mi riferisco al Bertinelli!

Strutturalmente questo “progetto” è già proprietario del versante Piteglio-San Marcello, la vecchia tenuta Orlando che comprende due vallate e che adesso ha deciso di appropriarsi di tutto il territorio attraverso una operazione che parte dalla solidarietà remunerata, dal concetto di pietas retribuita con il 5 per mille, e si propaga piano piano verso tutto il territorio della bassa ed alta montagna con un meccanismo che non ci piace. A proposito, il cinque per mille della denuncia dei redditi datelo all’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze. A suo tempo avevamo proposto di darlo alla Zeno Colò, per la Sanità in Montagna, ma il silenzio sulla modesta proposta è stato “assordante”.

In questo territorio a guida vetero comunista il consenso si conquista mettendo i figli dei volontari (ex politici Pci e Dc) a lavorare al proprio interno, altri assunti in maniera “neutra” per dimostrare una certa terzietà; alcuni assunti, altri “volontari” in cambio di future assunzioni. Quanti siano questi lavoratori, numericamente non lo sappiamo; una volta 57, un’altra, quando fa comodo più di cento. Mah!

Leggere (vedi Appennino News) i nomi delle associazioni e dei sostenitori che appoggiano questa Anschluss a questo progetto ci lascia esterrefatti.

La Montagna desidera affidare a benefattori interessati economicamente e finanziariamente, camuffati da Madre Teresa di Calcutta, il suo destino? Ecco fatto! Ogni riferimento al prode Oreste Giurlani, padre delle video conferenze da €. 700.000, recentemente arrestato, è puramente casuale.

Non abbiamo la velleità di dichiarare di essere nel giusto ma in compenso abbiamo la presunzione di poter dire che certe operazioni che partono dall’alto e non viceversa, sono come i famosi pomodori al rame di Bagni di Lucca; finiranno in qualche compostaggio mentale, creato all’uopo, dove si sfrutteranno al meglio i residui mentali di chi prima di pensare con il proprio cervello, pensa ai propri meschini e familiari interessi.

In nome di un proletariato che non esiste più e di giocatori di tennis che picchiando su una pallina si sentiranno signori.

In fondo, come diceva Totò, “signori si nasce e io modestamente lo nacqui!”.

Avanti popolo!

[Felice De Matteis]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento