spazi aperti/teatri di confine 2022. VA IN SCENA “DE IL DIAVOLO E DEL SUO ANGELO. EVOCAZIONI DEL POETA GIULIANO SCABIA

Martedì 20 settembre  a Palazzo Fabroni il quinto appuntamento della rassegna dedicata alla scena contemporanea

Diavolo e Angelo alla Sapienza

PISTOIA. Quinto e ultimo appuntamento per Teatri di Confine, la rassegna dedicata alla scena contemporanea realizzata da Teatri di Pistoia e Fondazione Toscana Spettacolo onlus.
Nel giardino e nel salone di Palazzo Fabroni, martedì 20 settembre (ore 19:00, via Santa), va in scena De Il Diavolo e del suo Angelo. Evocazione del poeta Giuliano Scabia, con Massimo Marino e Andrea Mancini e con Annibale Pavone e Jacopo Yahya.

A un anno dalla morte dello scrittore e drammaturgo Giuliano Scabia, due storici del teatro, Massimo Marino e Andrea Mancini, e due attori-musicisti, Annibale Pavone e Jacopo Yahya, ne rievocheranno la figura, sulle tracce di un suo mitico spettacolo che lo aveva portato, dal 1979 al 1986, a girare l’Italia e l’Europa travestito da Diavolo e legato con una corda bianca a un Angelo violinista e flautista, recitando, ballando e cantando il testo da lui scritto “composto di danze, duelli, operine, racconti, vendite, musiche”.

Aveva visitato città e paesi, in Italia e anche all’estero; si era inoltrato in boschi e montagne, da Perugia al Carnevale di Venezia, nel Casentino fino all’eremo francescano della Verna, a Parigi, sulla Tour Eiffel e a Roma, per un congresso internazionale della nuova psichiatria. Dopo oltre quarant’anni da quella sua prima comparsa, il “Diavolo” di Giuliano Scabia torna ad apparire.

Lo spettacolo è nuovissimo, ma anche legato al passato, almeno nell’essere teatro di strada, teatro di narrazione, teatro fuori dai teatri, vero e proprio anticipatore negli anni Ottanta di tanti modi di far teatro che adesso sono diventati quotidiani.

Accanto alle storie raccontate da Marino e Mancini ci saranno Annibale Pavone e Jacopo Yahya, l’Angelo musicista. Avranno un ruolo anche i racconti indirizzati a Dorothea, un’amica tedesca, in gran parte inventata, a cui Scabia si rivolse in tre occasioni, narrando i perché di questo spettacolo e facendo diventare queste Lettere a Dorothea qualcosa di diverso, una riflessione sui suoi modi di fare teatro.

La Capienza è limitata – prenotazione obbligatoria 0573 991609).

PREZZI

posto unico numerato 12,00 (intero) 9,00 (ridotto)*

*Riduzioni: abbonati stagioni ATP (prosa, sinfonica, cameristica, abbonati Teatro Lamporecchio,

possessori Carta Fedeltà Far.com, soci Unicoop Firenze)

8,00 possessori Giovni CardI 2022 e Carta dello Studente della Toscana

Biglietteria Teatro Manzoni 0573 991609 27112

orario: dal martedì al giovedì ore 16/19; venerdì ore 11/13 e 16/19; sabato ore 11/13 (lunedì chiuso).

La sera degli spettacoli, direttamente presso la sede dell’evento, un’ora prima dell’inizio (info dalle ore 18.00: 333 9250172).

Prevendita online su www.bigliettoveloce.it

TEATRI DI CONFINE | SPAZI APERTI è promosso e realizzato da Fondazione Toscana Spettacolo con Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale, con il fondamentale sostegno dei due principali soci ATP, Comune di Pistoia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, il contributo di Ministero della Cultura, Regione Toscana e di Far.com, Unicoop Firenze e Toscana Energia, partner istituzionali di tutta l’attività, in collaborazione con la Direzione regionale Musei della Toscana e i Musei Civici di Pistoia.

[marchiani – teatridipistoia]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email