storie da pd. PISTOIA, DOVE LE INCOMPATIBILITÀ NON CONTANO

Il consigliere regionale Pd Marco Niccolai
Il Consigliere regionale Pd Marco Niccolai

PISTOIA. Riceviamo e pubblichiamo questo intervento anonimo (antiepurazione) fresco fresco di giornata:

Egregio Direttore,
lo Statuto del Partito Democratico recita chiaramente l’incompatibilità tra la carica di segretario provinciale e quella di consigliere regionale.

Va da sé che questo non vale per la nostra Pistoia dove, dopo ben sei mesi dalle elezioni regionali, il neo eletto consigliere regionale Marco Niccolai è ancora saldamente in carica nel ruolo di segretario provinciale nel più assoluto silenzio (e anche compiacimento?) di tutti (?) e ciò nonostante i ripetuti inviti a provvedere con urgenza fatti del segretario regionale Dario Parrini.

La busta
La busta

Lo stesso Parrini aveva assicurato a tutti gli iscritti pistoiesi che entro le ferie estive prima, entro settembre poi, si sarebbe ovviato a questa anomalia tutta pistoiese; invitando inoltre gli iscritti a rinnovare le tessere e a farne molte altre…

Ma a tutt’oggi a Pistoia (Tristoia?) nulla s’è mosso.

Certamente la situazione e gli equilibri all’interno del Partito Democratico locale non sono dei più idilliaci (anche se apparentemente all’esterno si vuol far percepire l’esatto contrario) e probabilmente proprio è per questo che si vuol procrastinare la reggenza della segreteria targata Niccolai per continuare a garantire la sua anomalia dell’esser “renziano” a Firenze e “bertinelliano” a Pistoia (dove “bertinelliano” sta come esatto opposto di “renziano”).

La lettera
La lettera

Ancor più fragoroso è l’assordante silenzio dietro il quale si celano tutti gli altri, renziani e non, che pur di tener fede agli accordi di bottega rinunciano non solo alla libertà di parola ma anche di pensiero.

Non sarà che dietro a cotanto silenzio si stia impastando un nuovo biscottone per i cittadini pistoiesi?

I tatticismi fra le varie correnti interne Pd sono in atto ma trovare la quadra è assai difficile quando la torta da spartire è ridotta a poco più che un berlingozzo e soprattutto senza vin santo­ tutto a discapito del bene comune, la nostra Città, ma anche dei Comuni della provincia che da ligi “cagnolini fideisti” (citaz.) attendon dal padrone l’indicazione di quale osso azzannare.

In casa Pd sarà certamente un Natale profumato… scegliete voi quale!

Un iscritto Pd (ancora per poco…)

p.s. – L’anonimato è d’obbligo stanti le modalità epurative…

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

4 thoughts on “storie da pd. PISTOIA, DOVE LE INCOMPATIBILITÀ NON CONTANO

  1. Caro “iscritto P.D ancora per poco”. Sono anch’io iscritto P.D, dissidente su tutta la linea contro questa specie di ibrida accoppiata Renzi-Rossi, ma anche su tante cose che avvengono a Pistoia. Io, essendo tra l’altro pensionato e non avendo mai fatto vita di partito, non ho niente da perdere e non temo epurazioni, specie dai signorini che ora si sono ribattezzati “Adesso qui…adesso là…adesso sotto…e adesso sopra”.
    Spesso ho pensato di volare la tessera P.D nel cestino, dalla finestra, o magari in un luogo anche meno nobile; ma poi, ci ho sempre ripensato e continuo a dirmi che a questa gente, forse, si dà più fastidio dall’interno che andandosene. Per cui, un applauso per quanto hai detto, ma anche un invito a rimanere all’interno ed a combattere a viso aperto.
    Un cordiale saluto
    Piero Giovannelli
    Iscritto P.D circolo Pistoia ovest.

  2. Buona sera, ingenuo anonimo…ma non lo sa che abbiamo un Presidente del Consiglio, inconpatibile (incompatibilità caratteriale) con le democratiche elezioni? C faccia caso: gli è andata bene alle Europee causa astensionismo di massa e da lì ogni scusa per evitarle è buona: scommette che a Roma non si vota in primavera?

  3. Attenta “Poiana”; non sia troppo sicuro!
    Se non la ha mai sentito, Le riporto uno slogan che ebbe tantissimo successo alle elezioni del 1948, e che diceva: “Nella cabina elettorale, Dio ti vede; Stalin no”. Sostituendo Stalin con altro personaggio vivente a piacere (Dio ovviamente è eterno e rimane al Suo posto) lo slogan è valido tuttora.
    Aggiungo che per il momento non soffro ancora di morbo di Parkinson e la mia mano è salda quanto basta.
    Un cordiale saluto e buona predazione.
    Piero Giovannelli

Lascia un commento