STRAGE DI VIAREGGIO, «IL DDL SULLA PRESCRIZIONE STA MARCENDO IN SENATO»

Sara Paglini
La senatrice Sara Paglini

ROMA. Questo il testo completo dell’intervento:

“Presidente, oggi è l’ennesimo anniversario della strage della stazione di Viareggio, ormai il settimo. Ricordo a tutti che questa strage provocò 32 vittime. Perirono donne, uomini e bambini.

Purtroppo ad oggi persiste il rischio di prescrizione per alcuni reati, quali l’incendio e le lesioni colpose.

Ricordo a quest’aula che il Ddl sulla prescrizione sta marcendo da un anno in Commissione Giustizia al Senato. Chissà perché! In quella maledetta notte qualcosa non funzionò se una cisterna carica di gpl deragliò ed esplose portandosi via la vita di 32 persone. Le persone morirono straziate dal fuoco e dalle fiamme anche dopo molti giorni di terribile agonia.

L’allora amministratore delegato Moretti solo 11 mesi dopo quella immane tragedia, per la quale è imputato insieme ad altre 32 persone, fu onorato con il titolo di Cavaliere del Lavoro, dall’ex Presidente Napolitano, onorificenza che dovrebbe essere attribuita a chi è un esempio per tutti i cittadini.

Mai onorificenza fu peggio conferita, soprattutto se ricordiamo che durante la gestione dell’ingegner Moretti ci furono quasi cinquanta morti tra macchinisti e addetti alla manutenzione, dipendenti delle Ferrovie e di ditte appaltatrici, cui si aggiungono più di sessanta passeggeri morti per incidenti ferroviari, spesso causati da gravi carenze e mancati investimenti nella sicurezza.

Penso che la politica non debba restare indifferente all’appello, lanciato dalle associazioni dei famigliari delle vittime, che chiedono da molti anni che venga revocato il titolo di “Cavaliere del lavoro” all’ingegner Mauro Moretti.

Già dal 19 febbraio 2014, a nome del Movimento 5 Stelle, presentai una mozione per la revoca del titolo di Cavaliere del lavoro, ma da allora giace nei cassetti.

Fatti Presidente, ….le persone vogliono i fatti, non gli annunci.
Questa tragedia ci tocca tutti molto da vicino in particolar modo noi toscani, pertanto ho scritto nei giorni scorsi una lettera aperta a tutti senatori, in particolar modo ai senatori toscani, sicura che non sarebbe mancata la condivisone e la sottoscrizione della mozione.

In questi giorni le associazioni coinvolte hanno ricevuto il sostegno ad una carta d’intenti sottoscritta da molte amministrazioni comunali, provinciali e regionale in segno di solidarietà.
Ulteriore convincimento, ora più che mai, che bisogna dare un segnale forte e chiaro, pena la perdita di credibilità.

Riusciremo tutti insieme a fare una battaglia di giustizia, onore e verità?

Per la cronaca ricordo che fu Matteo Renzi a incaricare Moretti da amministratore delegato delle Ferrovie, ad amministratore delegato di Finmeccanica con conseguenti straordinari vantaggi economici e di carriera.

Riuscirà questo Senato a remare contro la volontà di Napolitano?

Lo vedremo a breve.

Basta pacche sule spalle, i cittadini e i famigliari delle vittime vogliono i fatti.

Ci uniamo al loro grido di giustizia e vi aspettiamo stasera a Viareggio per stringerci intorno a loro tutti insieme”.

[paglini – senato della repubblica]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT64H0306913834100000008677 su Intesa San Paolo Spa - Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento