SULL’USL ‘VETRO OPACO’ NEROZZI PUNTUALIZZA

«Non è per ragioni di mera opportunità politica che mi sono interessato all’ambiente: in realtà le competenze professionali che mi impegnano quotidianamente, mi hanno permesso di acquisire delle sensibilità certamente utili a una più marcata “vocazione ambientalista”»
Alfredo Fabrizio Nerozzi

 

AGLIANA. Il dottor Fabrizio Nerozzi scrive:

Egregio Direttore, ho letto con sorpresa le notizie che avete pubblicato nell’articolo Usl davvero un vetro opaco, e aldilà? gettando un’ombra di dispregio sulla mia persona, che non è da riconoscersi affatto nelle insinuazioni di circostanza di un dipendente pubblico che  avrebbe – questo emerge dalla lettera – interessi personali nelle sue funzioni d’ufficio.

In realtà, se è vero che mi trovo applicato in due sfere di competenza, una politica e una professionale, queste sono nient’affatto trattate in promiscuità e/o confusione.

Tutt’altro: l’argomento della “tutela dell’ambiente e salute pubblica” è una materia di rilevanza principale nel panorama delle questioni sociali. Esso è, infatti, il primo fra i “beni comuni” ai quali deve essere tesa la ricerca di una qualsiasi argomentazione politica; con questa nota intendo quindi ribadire che nei miei trentacinque anni di servizio in Usl, nel Dip. di Prevenzione, ho sempre assolto ai doveri d’ufficio ricevendo anche degli encomi, senza alcun richiamo disciplinare.

Non è per ragioni di mera opportunità politica che mi sono interessato all’ambiente: in realtà le competenze professionali che mi impegnano quotidianamente, mi hanno permesso di acquisire delle sensibilità certamente utili a una più marcata “vocazione ambientalista”, sfociate nei vari eventi mondiali, assorbiti dal fenomeno social della giovane Greta.

Inoltre, tengo a precisare che, negli ultimi cinque anni in coincidenza con la mia attività politica, non ho mai fatto corsi di formazione come docente autorizzato dall’azienda e il mio stipendio base è circa 1.600 euro/mensili, onestamente guadagnati, oltre al fatto che nei miei 35 anni di servizio non ho avuto nessun privilegio, né promozioni di carriera all’interno dell’Ausl, soprattutto in questi ultimi 5 anni di militanza politica.

Quindi intendo rigettare le insinuazioni di un possibile “conflitto di interesse” tra il compito di dipendente di Usl e di politico, applicato – questo non è un dettaglio – nelle forze di opposizione all’attuale maggioranza di centro destra.

La invito pertanto a pubblicare la presente nota di rettifica, avvisandola che per ulteriori notizie che andrete a pubblicare concernenti la mia persona, valuterò i fatti di concerto con il mio legale per le eventuali azioni di tutela della mia immagine.

Tanto le dovevo a chiarire sulle ingenerose attribuzioni di abusi o promiscuità dell’ufficio che rigetto rigorosamente.

Fabrizio Nerozzi
[redazione@linealibera.info]


Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email