SVIZZERA PESCIATINA, UN INCONTRO SUL TURISMO OGGI

Serata sul turismo nella Svizzera Pesciatina
Serata sul turismo nella Svizzera Pesciatina

PESCIA. Quando si parla di montagna pistoiese quasi mai si pensa alla Svizzera Pesciatina, una realtà vasta e difficile, fatta di luoghi diversi e talvolta isolati.

Questo territorio, che potenzialmente potrebbe vivere di un’economia basata sul turismo, da tempo si sente abbandonato da una politica incapace di dare ascolto ai suoi abitanti.

Durante una serata alla Trattoria “Da Nerone” a Pietrabuona, la prima delle Dieci Castella della Valleriana, ho incontrato tante persone che, con franchezza e determinazione hanno raccontato i problemi ma anche la grande ricchezza del proprio territorio – fatto di cultura, enogastronomia e soprattutto paesaggio – un patrimonio, questo, non esportabile che deve divenire la principale leva dell’economia di domani.

Durante la serata si sono susseguiti molti interventi. Si è parlato di percorsi di trekking e ciclabili, ippovie, home restaurant, hotel diffusi ma anche delle attuali aree di sosta per camper inadeguate ad accogliere i turisti e di problemi infrastrutturali.

La responsabilità e la voglia di ricominciare devono partire da chi vive e lavora in questi luoghi. La politica, dal canto suo, deve imparare ad ascoltare e deve incoraggiare lo sviluppo con progetti sostenibili e finanziamenti adeguati. Realtà come la Svizzera Pesciatina non possono vivere in competizione con i territori vicini.

Dobbiamo sviluppare perciò idee progetti ‘di rete’ che mettano in collegamento i vari territori in modo strategico.

[comunicato massimo baldi]

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento