TEATRO DI PESCIA: FRANCESCHI BACCHETTA L’ASSESSORE

Barbara Vittiman
Barbara Vittiman

PISTOIA. L’assessora alla cultura è proprio Cimabue, fa una cosa e ne sbaglia due.

Nel maldestro tentativo di scaricarsi di pesanti responsabilità sulla chiusura del teatro e di Pescia Antica, manifestazione difesa da molti commercianti nonostante sia nata e cresciuta sotto l’amministrazione Marchi, dà una risposta usurata sul piano politico: è sempre colpa dei precedenti.

Sarebbe l’ora di finirla con questa manfrina, ma almeno queste cose le faccia dire a chi sa qualcosa, lei che fino a poco fa manco sapeva dov’era il palazzo del Vicario. Poi si lancia e realizza l’ennesima autorete. “Il teatro manca delle autorizzazioni, non è a norma, manca il certificato antincendio”.

Se le cose stanno così, vediamo se conosce la legge meglio di come fa l’assessore. Vada subito in procura e presenti un esposto contro tutti i sindaci, a cominciare dal suo, visto che la stagione teatrale l’anno scorso si è regolarmente tenuta. Questi signori avrebbero infatti giocato con l’incolumità degli spettatori.

Noi ci sentiamo invece di ringraziare chi ha consentito sempre il funzionamento del teatro, anche assumendosi ponderate responsabilità. E chiediamo inoltre, ai frequentatori della stagione, cosa stiano pensando Ause, Asvalt, Avis, Pubblica assistenza e Misericordia, ovvero quelle associazioni benefiche che usufruivano giustamente del teatro a titolo gratuito.

Questa persona vuol fare la Zarina, senza legittimazione partitica e soprattutto popolare, e nessuno la sopporta più. Come oppositori dovremmo essere lieti della sua permanenza, ma come pesciatini, siamo davvero stufi.

Oliviero Franceschi
Consigliere Comunale

Sostenete questo quotidiano con un piccolo contributo attraverso bonifico intestato a

«Linee Stampalibera» Iban IT08V0306913833100000001431 su CariPt di Porta San Marco-Pistoia. Riceverete informazioni senza censure!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento